Due missili russi finiscono in Polonia

Due missili russi hanno colpito il villaggio di Przewodów, ai confini tra Polonia e Ucraina. Ma per Mosca si tratta di una provocazione.

Due missili russi hanno raggiunto la Polonia, ma non è chiaro se il vero obiettivo fosse il villaggio di Przewodów, vicino il confine ucraino o se siano finiti in quell’area – causando tra l’altro la morte di due civili – dopo essere stati abbattuti dalle forze di Kiev. Il presidente polacco, Andrzej Duda e il premier Mateusz Morawiecki hanno subito convocato una riunione urgente dell’esecutivo di Varsavia. Mosca, intanto, smentisce: “Non sono nostri”.

Due missili russi finiscono in Polonia

Due missili russi hanno colpito il villaggio di Przewodów, ai confini tra Polonia e Ucraina. Ma per Mosca si tratta di una provocazione

“Le mie fonti nei servizi affermano che ciò che ha colpito Przewodów sono molto probabilmente i resti di un missile abbattuto dalle forze armate ucraine” scrive Mariusz Gierszewski di Radio Zet, l’emittente che per prima ha dato la notizia dei missili caduti in territorio polacco.

In precedenza, lo stesso giornalista di Radio Zet aveva scritto: “Due razzi vaganti sono caduti nella città di Przewodów , vicino al confine con l’Ucraina. Hanno colpito gli essiccatoi per cereali. Due persone sono morte. Sul posto sono presenti la polizia, la procura e l’esercito”.

Subito dopo una precisazione: “Se la versione con il missile russo è confermata, questo non significa automaticamente una guerra Polonia/Nato-Russia. Ci saranno sicuramente problemi diplomatici, ma questo non è l’inizio dell’attacco. Niente panico. Non c’è motivo di prendere d’assalto negozi e distributori di benzina. Il panico è un cattivo consigliere”.

Il ministero della Difesa russo, secondo quanto ha riferito l’agenzia Ria Novosti, afferma che le notizie circa due missili russi che sarebbero caduti in Polonia sono “una provocazione” mirata a provocare una escalation.

Come riportano i media russi, il ministero della Difesa russo ha smentito che i missili caduti sulla Polonia fossero russi, sottolineando che non sono stati compiuti attacchi vicino al confine ucraino-polacco. Anzi il ministero sottolinea che le foto dei rottami pubblicate dai media polacchi non hanno nulla a che fare con le armi russe.

Pentagono: “Al momento non abbiamo notizie confermare. Difenderemo ogni centimetro di territorio della Nato”

“Gli Stati Uniti sono al corrente delle notizie di stampa secondo le quali due missili russi hanno colpito una località polacca vicino al confine ucraino, stiamo verificando le notizie” ha detto il portavoce del Pentagono Pat Ryder in una dichiarazione alla stampa. “Al momento non abbiamo notizie confermare, ma il nostro impegno verso l’articolo 5 della Nato è chiarissimo, difenderemo ogni centimetro di territorio della Nato”, ha aggiunto il portavoce del Pentagono.

“Le ultime notizie dalla Polonia suscitano grande preoccupazione. Siamo in stretto contatto con la Polonia e altri alleati. L’Estonia – ha dichiarato il ministero degli Esteri estone, Urmas Reinsalu – è pronta a difendere ogni centimetro di territorio della Nato. Siamo in piena solidarietà con il nostro stretto alleato, la Polonia”.

Leggi ancora: Nuovo pesante attacco russo in Ucraina. Durante l’intervento di Zelensky al G20 Mosca ha lanciato oltre 100 missili. Colpita anche la Capitale Kiev 

Pubblicato il - Aggiornato il alle 22:11
Seguici su Facebook, Instagram e Telegram