È già scontro sulla riforma Rai. Dura protesta dei 5 Stelle per l’emendamento che introduce la possibilità di rinnovare il Cda con la Gasparri. Non si esclude la fiducia

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Senato ostile e discussione rinviata sulla riforma Rai. L’emendamento presentato dal Governo in Senato che introduce la possibilità di rinnovare il Cda con la legge Gasparri in attesa che entri in vigore la nuova normativa, ha scatenato la dura protesta delle opposizioni guidata dal Movimento 5 Stelle. Roberto Fico attacca: “Dopo mesi di chiacchiere, conferenze stampa, tweet sulla necessità di una riforma della governance Rai, il governo ammette implicitamente il suo fallimento. Nessuna riforma all’orizzonte, i nuovi vertici della Rai saranno molto probabilmente nominati con quella stessa legge Gasparri che il premier ha detto infinite volte di voler cambiare”. E ora non è più escluso che il ddl da votare il 31 in Senato venga trasformato in decreto con voto di fiducia.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Le nomine per tutte le stagioni

Evitando le buche più dure – vedi le parole gravissime del sottosegretario Durigon – Draghi si tiene buono il Parlamento fotocopiando senza il fuoco di sbarramento visto con Conte la stessa prudenza sulla pandemia del suo predecessore. Merito di una situazione sanitaria che migliora, ma

Continua »
TV E MEDIA