E pure Arbore si mette in mostra. I 50 anni di carriera raccontati in una personale Tv, radio, Orchestra italiana e tanti oggetti collezionati

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Lasciate ogni tristezza voi ch’entrate. È questa la scritta che accoglierà i visitatori della mostra tutta dedicata a Renzo Arbore, allestita dal 19 dicembre al 3 aprile , negli spazi espositivi della Pelanda al Macro di Testaccio a Roma. Da Natale a Pasqua il musicista-conduttore accompagnerà i visitatori alla piacevole scoperta della sua vita. Arbore con l’entusiasmo di un bambino festeggia quest’anno il mezzo secolo di carriera e il trentennale di Quelli della notte, una delle trasmissioni di successo.

CIMELI
All’interno della mostra saranno esposti gli oggetti testimoni di questa straordinaria avventura: dalle copertine dei dischi alle sue collezioni più originali, dalle radio d’epoca alle cravatte più strane, dagli oggetti in plastica collezionati in modo maniacale alle testimonianze dei suoi viaggi, dagli strumenti musicali agli elementi scenografici che hanno caratterizzato le sue trasmissioni televisive. Ma anche l’Orchestra italiana.

IL PERCORSO
La mostra avrà un percorso con più stazioni che corrispondono alle passioni di Renzo: la Musica, l’America, il Collezionismo e la Plastica, il Cinema, i Viaggi, la Televisione, le Città e gli Amici, la Moda e il Design, la Radio e infine la Lega del Filo d’Oro. Si svilupperà così un racconto nel quale, come in una camera delle meraviglie, ogni oggetto, ogni suono e ogni immagine porteranno alla luce una curiosità e un momento della vita di Arbore, ma anche di un pezzo della storia d’Italia e degli italiani.

TALENT SCOUT
Professionista esemplare. Un gentiluomo davanti alle telecamere e sul palcoscenico. Un istrione. Conduttore di radio e tv, attore, musicista. Bandiera gialla, Alto gradimento, L’altra domenica, Quelli della notte, Indietro tutta, il Pap’occhio, solo per ricordare qualche titolo. Gli sketch pubblicitari.
Il 24 giugno ha compiuto 78 anni. Ed eccolo ancora lì con tanta energia da vendere. Se non ci fosse stata la chance che Arbore gli ha concesso, chissà come sarebbe girata la carriera di Lucio Battisti. Il musicista fu bocciato dalla casa discografica e invitato a cambiare lavoro. “Con quella voce non hai nessuna speranza”, gli dissero. Ma Arbore l’ha accesa quella speranza. Lo portò a Speciale per voi e lo fece cantare. Lanciò anche Milly Carlucci, Isabella Rossellini, Roberto D’Agostino (come l’esperto di look), Daniele Luttazzi, Mario Marenco, Giorgio Bracardi, Marisa Laurito, Andy Luotto. Segnalò per la conduzione della Giostra del gol su Rai International una parente doc, Ilaria D’Amico. Ma i suoi fiori all’occhiello sono Nino Frassica, grande spalla in Indietro tutta e Roberto Benigni, lanciato in tv da L’altra domenica.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Adesso basta errori sul virus

Cantano vittoria come se avessero ottenuto chissà cosa, ma l’Italia che comincia a riaprire dal 26 aprile non è un successo delle destre. Con le solite balle a uso elettorale, Salvini & company da ieri stanno ingolfando i social per intestarsi il ritorno alla normalità

Continua »
TV E MEDIA