La Giustizia di Willy e di Battisti

di Gaetano Pedullà

La telefonata del presidente del Consiglio ai genitori di Willy Monteiro è un gesto pieno di umanità e al tempo stesso di speranza nella giustizia. La morte di un ragazzo di appena 21 anni, dilaniato da un branco di coetanei, porta con se tutta la violenza e il deserto di valori in cui vive incosciamente e ben contento un pezzo niente affatto marginale del Paese. La vita che vale poco, come nei video giochi, perché ce n’è sempre una di ricambio, la droga a fiumi ovunque, l’odio sui social network, le famiglie che non hanno tempo e voglia di educare, hanno ancora da presentarci il conto.

Per questo le regole, e la giustizia in cima a tutto, sono un presidio invalicabile, col quale dobbiamo pretendere che si smetta di scherzare, com’è successo ancora una volta proprio ieri. Non può che essere uno scherzo, d’altra parte, l’ennesima decisione di un magistrato di sorveglianza sui carcerati, che ha deciso di dare uno sconto di pena al terrorista ex super latitante Cesare Battisti, che per buona condotta potrà detrarre 45 giorni dai suoi due ergastoli e decine di altri anni di reclusione.

Battisti, che da ieri è in sciopero della fame per protestare contro l’isolamento, il vitto che non gli piace e chissà quali altri trastulli pretende, richiama quella stessa giustizia a cui si è sicuramente attenuto il suo magistrato di sorveglianza, con la stessa logica e gli stessi codici che nei primi giorni del Covid hanno fatto uscire di galera più di duecento tra boss mafiosi condannati in via definitiva e criminali di spessore acchiappati con enorme sacrificio dalle forze dell’ordine e sotto massima sorveglianza in attesa di giudizio.

Ma mandare a casa questa gente, così come è stato fatto per Johnny lo zingaro, il pericoloso assassino appena evaso grazie a un permesso premio, non ha nulla a che vedere con la stessa giustizia che attendono i genitori di Willy e di cui abbiamo bisogno tutti, prima che lo Stato e il senso stesso della giustizia diventino una barzelletta, proprio come dovevano pensarla le bestie che per niente hanno divorato la vita di un ragazzo di 21 anni.

 

Gli ultimi editoriali di Gaetano Pedullà

Consulta l'archivio completo

Sul pallone è autogol delle Regioni

Ma sì, aprano gli stadi così come in estate hanno aperto le discoteche. I governatori più pazzi del mondo hanno capito tutto: più sono protagonisti più diventano popolari, e pazienza se per accontentare la lobby del pallone rischiamo di rimontare Francia e Spagna nel campionato dei contagi. Tanto, qualunque fesseria decidano, le Regioni vincono sempre.…

Continua

Una speranza chiamata Movimento

Con l’avvicinarsi della manovra è ripartita la caccia al Reddito di cittadinanza. Niente di nuovo per i nemici di sempre – destra, associazioni industriali e giornali al guinzaglio – ma adesso a questo coro stonato si aggiungono esponenti di sinistra, come il vicesegretario del Pd, Andrea Orlando, che rianimati dal risultato delle Regionali vogliono riscrivere…

Continua

Linciaggio continuo contro i Cinque Stelle

Archiviati i risultati di Referendum e Regionali, a destra hanno capito tutti tranne Salvini che il problema è proprio il Capitano. Meloni e Berlusconi lo accusano di non aver sostenuto a dovere i loro candidati (perdenti) in Puglia e Campania, e lui ricambia prenotando per la Lega i sindaci di Roma e Milano. A partire…

Continua

Tre lezioni che arrivano dalle urne

Cronache dalle urne. 1) Gli italiani hanno tanta fame di riforme da non farsi più fregare dagli opportunisti di destra e sinistra, con i poteri forti e i loro giornaloni schierati platealmente contro il taglio dei parlamentari. Il Movimento Cinque Stelle ci ha creduto fino in fondo, e a differenze di chi promette dai tempi…

Continua

Dal Recovery Fund a Dublino. La svolta della von der Leyen porta la firma dei 5 Stelle

L’Italia canta vittoria in Europa. Anche i partiti più euroscettici e sovranisti devono ammettere che l’epoca dell’austerità e delle spallucce di Juncker è dimenticata, e con la presidenza della von der Leyen il nostro Paese ha un ascolto mai visto prima. Dal superamento del regolamento di Dublino che ci ha ridotto a campo di accoglienza…

Continua

Tenetevi pure gli statisti di una volta

Ah quanto erano bravi i politici di una volta! Quelli sì che erano statisti, mica gli scappati di casa che stanno oggi al governo. Certo, i campioni della Prima Repubblica, da Andreotti a Craxi, ci hanno lasciato un Paese scassato e con un debito pubblico da paura, per non dimenticare – se non andiamo a…

Continua

Una destra negazionista per natura

Negazionista per natura. L’involuzione della destra italiana, da storica area culturale e politica alla compagnia di avanspettacolo del trio Salvini, Meloni e Covid Berlusconi ha aggiunto un nuovo carattere biologico ai suoi sostenitori, diventati bastian contrario a prescindere. La pandemia è pericolosa? Ma no, muore poca gente e le mascherine non servono a niente. Con…

Continua

Meloni & C. vogliono le poltrone

Capiamo i leader della vecchia politica e quelli che il blog di Grillo chiama i dinosauri (del Palazzo), signori a cui nemmeno passa per la testa di segare l’albero sul quale stanno seduti da decenni o sognano di riprendersi uno strapuntino. Un ceto politico che perlomeno ci ha messo la faccia – seppure di bronzo…

Continua

Il Capitano scaricato dal Carroccio

Nelle messe cantate di Porro e Del Debbio sugli straordinari meriti del Centrodestra e della Lega non se n’è mai parlato, e meno che meno nelle sacre scritture di Belpietro e Sallusti perennemente contro Conte e i 5 Stelle, ma sul fronte dell’opposizione è in arrivo l’Apocalisse. Per il Covid e per ovvi motivi anagrafici…

Continua

Sulla scuola un caos criminale

L’inizio della scuola è da sempre un Far West. Proteste, insegnanti che mancano, studenti che non si sa dove mettere. Politica e sindacati ci sguazzano, ma poi la campanella suona e si pensa a studiare. Un diritto che quest’anno si sta mettendo in pericolo con l’antologia più aggiornata delle brutte lezioni. Gestire il rientro in…

Continua