L'Editoriale

Le rendite di posizione non pagano

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp

Per chi guarda ai fatti della nostra politica accalorandosi solo sulle sorti di Renzi e dei suoi avversari, in un eterno stucchevole derby tra ultrà e nemici del Governo, la battaglia in corso sul turismo può sembrare poca cosa. Non è però affatto così, perchè in questo scontro tra albergatori da una parte e fenomeni di successo mondiale come Airbnb o Booking ed Expedia c’è il paradigma dell’immobilismo nel nostro Paese. Ci sono le lobby, da una parte quella degli albergatori che difendono le loro rendite di posizione e dall’altra quelle dei colossi internazionali tutt’altro che disarmati. C’è un settore economico che è la nostra miniera, il turismo, incapace di misurarsi con il cambiamento e costretto ad arroccarsi per paura di confrontarsi con il nuovo che avanza. E c’è un legislatore che tentenna, facendosi tirare la giacchetta un po’ dai portatori di interessi degli uni e un po’ dagli altri, senza la benché minima idea di politica industriale. Quando le battaglie sono così, chiunque vinca il Paese perde sempre. Perché protezionismi e ritorsioni fiscali costringono i nuovi player a evadere il Fisco. E chi difende così i suoi privilegi si accelera la fossa.

Gli ultimi editoriali

La Tv democratica non è folle

Per quanto l’ex premier Mario Monti abbia rettificato, l’idea di selezionare “in modo meno democratico” chi fa informazione è indigeribile. Il controllo dei media è

Continua »
L'editoriale
di Gaetano Pedullà

I politici in fila dalle Lobby

Nel Paese dove il re dei conflitti d’interesse, Silvio Berlusconi, può diventare Presidente della Repubblica, che speranza ha una legge che regoli sul serio i rapporti tra lobby, politica e affari? Se a qualcuno sfuggisse la risposta, è illuminante seguire l’iter parlamentare della norma che

Continua »
TV E MEDIA