Egitto, torna la tensione. Scontri al Cairo in diversi quartieri della capitale. Quattro i morti e numerosi i feriti

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Riesplode la tensione in Egitto alla vigilia delle celebrazioni, domenica 6 ottobre, dell’anniversario della «vittoria» dell’Egitto nella guerra del 1973. Si contano più morti, almeno 4, stando alle prime fonti, negli scontri che si sono registrati in diversi quartieri del Cairo. Ne è rimasto vittima anche l’ex portavoce del Fronte di salvezza nazionale Khaled Daoud, all’opposizione all’epoca di Mohamed Morsi, che è stato accoltellato mentre passava accanto ad una manifestazione pro Fratelli musulmani. In vista del 6 ottobre – una ricorrenza che quest’anno assume un significato particolare dopo la deposizione da parte dei militari del presidente Mohamed Morsi sull’onda di imponenti manifestazioni di piazza – i sostenitori dei Fratelli Musulmani hanno lanciato una grande mobilitazione. A partire dal primo pomeriggio, subito dopo la preghiera del venerdì, migliaia di sostenitori della Fratellanza sono scesi nelle strade del Cairo e di numerose città del paese dando una dimostrazione di forza decisamente maggiore nei numeri rispetto a recenti manifestazioni che, dopo le stragi di agosto nelle piazze pro-Morsi, avevano raccolto poche centinaia di persone. Gli scontri sono scoppiati in vari quartieri del Cairo, soprattutto in centro, quando varie marce di pro Morsi hanno tentato di avvicinarsi a piazza Tahrir.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Adesso basta errori sul virus

Cantano vittoria come se avessero ottenuto chissà cosa, ma l’Italia che comincia a riaprire dal 26 aprile non è un successo delle destre. Con le solite balle a uso elettorale, Salvini & company da ieri stanno ingolfando i social per intestarsi il ritorno alla normalità

Continua »
TV E MEDIA