Emergenza rifiuti a Roma, Raggi: “Crisi stabilita a tavolino. Impianti devono essere obbligati a ricevere la spazzatura. Zingaretti emani un’ordinanza”

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

“Gli impianti regionali di smaltimento dei rifiuti devono essere obbligati a ricevere la spazzatura di Roma fino al massimo della loro capienza. Questo può farlo il presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti con una apposita ordinanza”. E’ quanto scrive la sindaca di Roma, Virginia Raggi, in una lettera inviata al governatore del Lazio e al presidente del Consiglio, Giuseppe Conte. Raggi lamenta il fatto che gli impianti non rispettano gli accordi e ciò fa pensare a “una crisi stabilita a tavolino”. Nella lettera, indirizzata anche al ministro dell’Ambiente Sergio Costa, al Prefetto di Roma e alla Procura, la sindaca lamenta il fatto che gli impianti dove dovrebbe finire la spazzatura non rispettano gli accordi e accolgono addirittura meno rifiuti rispetto alle quantità previste dai contratti. La sindaca della Capitale fa appello “al senso di responsabilità da parte del presidente della Regione Lazio” e chiede “a tutte le istituzioni, per quanto di competenza, di supportare Roma Capitale”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

La politica che ama il Medioevo

Va bene che la destra è conservatrice e quella italiana addirittura preistorica, ma quando ieri le cronache parlamentari narravano della Meloni che ha scritto a Salvini per accordarsi sui candidati alle amministrative non poteva che scapparci da ridere. Ma come: stanno sempre col telefonino in

Continua »
TV E MEDIA