Macron “En Marche” verso la vittoria pure delle elezioni legislative. Il suo partito è oltre il 30%: avrà la maggioranza assoluta

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Emmanuel Macron continuare la sua conquista della Francia. Il suo movimento En Marche ha chiuso con un dato finale sopra il 32% su scala nazionale: A seguire Les Républicains al 21%, il Front National al 13%, la France Insoumise di Mélenchon al 12% e il partito socialista ormai avviato verso l’estinzione all’8%. A macchiare il risultato di Macron c’è però il dato sull’astensione: il 51,3% dei francesi non si è recato alle urne. E al ballottaggio la situazione è destinata addirittura a peggiorare.

Il presidente della Repubblica, comunque, può ritenersi soddisfatto: nella prossima Assemblea potrebbe controllare tra i 400 i 440 deputati (su 577) con una maggioranza schiacciante. La prima forza di opposizione sarà rappresentata dai Repubblicani, mentre per Marine Le Pen è arrivata un’altra brutta notizia: probabilmente non avrà i numeri nemmeno per formare un gruppo parlamentare.

Come funziona la legge elettorale per le legislative – Lo scrutinio non è organizzato su base nazionale come per le presidenziali, ma suddiviso in circoscrizioni elettorali. Se ne contano 577, di cui 11 all’estero, da cui emergeranno i nomi dei prossimi 577 membri dell’Assemblea nazionale, la Camera bassa del Parlamento francese. I seggi elettorali sono rimasti aperti dalle 8 alle 18 (nelle località più piccole) e fino alle 20 in alcune grandi città. I francesi residenti all’estero, 1,3 milioni di cittadini, hanno votato lo scorso fine settimana. Il sistema elettorale è uninominale, maggioritario, a due turni. Detto in altre parole: solo un candidato può uscire vincitore dal voto di ogni circoscrizione, colui che ottiene la maggioranza dei voti. Un candidato può vincere fin dal primo turno se ottiene il 50% più uno dei voti espressi, rappresentanti almeno il 25% degli iscritti. Al ballottaggio accedono tutti i candidati che superano il 12,5% dei voti: ottiene il seggio chi al secondo turno consegue il maggiori numero di voti.