Enrico Letta all’attacco di Renzi: “Nella formazione delle liste premiata la fedeltà al capo, il Pd corre verso l’abisso”

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

“Sono attonito per quel che è accaduto” nella stesura delle liste del Partito democratico, “sia per il merito che per il metodo: durante questo fine settimana si è consumata una vicenda dai contorni tragici”. L’ex premier Enrico Letta, defenestrato da Matteo Renzi quattro anni fa, si toglie qualche sassolino dalle scarpe e attacca frontalmente il segretario.

“Leggo i sondaggi e non soltanto per quelli, sono preoccupato”, ha aggiunto intervistato da La Stampa Letta, sostenitore di Andrea Orlando pur non essendo iscritto al Pd. “Nel rapporto con l’opinione pubblica – ha proseguito – questa vicenda si traduce in un altro insperato e immeritato regalo a Berlusconi e ai Cinque Stelle. Una incredibile corsa verso l’abisso”.

Da Letta è arrivato un duro affondo contro la segreteria dell’ex sindaco di Firenze. “In questo Pd evidentemente non c’e’ spazio per chi, pur criticando e dissociandosi da alcune scelte, distingue tra un segretario pro tempore e la fedeltà a valori che restano comuni. Nella formazione delle liste – ha concluso l’ex premier – è stata premiata soltanto la fedeltà e per farlo si è agito con arbitrio e violenza. Premiando quasi ovunque amici e amiche”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Ci mancava il regalo ai mafiosi

Partito come un venticello, il soffio della restaurazione sta diventando un tornado. Draghi a Palazzo Chigi ne è di per sé il sigillo di garanzia, ma siccome il suo è definito da stampa e poteri forti il “Governo dei migliori”, c’è chi ha deciso di

Continua »
TV E MEDIA