Estremi rimedi. Per la Meloni chiudere i porti non serve. La leader di FdI rilancia il blocco navale come unica soluzione per fermare i clandestini

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Chiudere i porti? Per Giorgia Meloni (nella foto). Per la leader di Fratelli d’Italia non basta, occorre spingersi oltre. E, ai microfoni di Radio Anch’io, torna a rilanciare il suo vecchio cavallo di battaglia come elisir miracoloso per risolvere, una volta per tutte, la questione dei migranti. “Se ci limitiamo a chiudere i porti, noi non risolviamo il problema dell’immigrazione clandestina. Gli immigrati continuano a sbarcare perché qualunque barchetta degli scafisti che parte e qualunque Ong, nave europea o della Marina militare che la raccoglie, alla fine viene portata in Italia. Fratelli d’Italia continua a dire da mesi la stessa cosa: l’unico modo per impedire ai barconi di partire è fare un blocco navale, in accordo con i governi libici e in accordo con l’Europa”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Quell’asse Draghi-Renzi sui Servizi

A volte guarda che strane le coincidenze! Il direttore del Dis (il coordinamento dei Servizi segreti) Gennaro Vecchione informa il Copasir, cioè il Parlamento, che lo 007 Marco Mancini ha incontrato Matteo Renzi nell’autogrill di Fiano Romano senza informare i superiori, e 48 ore dopo

Continua »
TV E MEDIA