Europa e America uniti nel nome di Navalny. Chiedono la liberazione degli oppositori di Putin

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

L’Unione europea e gli Stati Uniti per una volta sono concordi sulla linea in politica estera. E chiedono alla Russia di liberare Alexei Navalny, l’oppositore di Vladimir Putin arrestato durante una manifestazione contro il governo. Gli Usa “condannano fermamente gli arresti e chiedono al governo russo di rimetterli subito in libertà”, ha dichiarato Mark Toner, portavoce del dipartimento di Stato americano.

La stessa posizione espressa sostanzialmente dall’Unione europea: “Le operazioni di polizia nella Federazione russa hanno impedito di esercitare le loro libertà fondamentali, fra cui la libertà di espressione, associazione e riunione pacifica, che sono iscritte nella costituzione russa”. Le autorità russe hanno solo in parte risposte: “Alcune sono stati lasciati andare, mentre altri sono stati accusati di infrazioni amministrative”. Ma lo stesso Navalny ha rilanciato la battaglia contro Putin e il suo sistema di potere: “Verrà il giorno in cui noi giudicheremo loro, ma quel giorno lo faremo in maniera onesta”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Il suicidio del servizio pubblico

La difesa strettamente burocratica, da perfetto travet, fatta dal direttore di Rai3 Franco Di Mare in Commissione di vigilanza (leggi l’articolo) per scrollarsi di dosso l’accusa di censura sul concertone del Primo Maggio, spiega più di un’intera enciclopedia perché il Servizio pubblico in Italia è

Continua »
TV E MEDIA