Finlandia avanti col reddito di cittadinanza. Partita la sperimentazione: a 2mila cittadini 560 euro per due anni

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

La Finlandia parte con il reddito di cittadinanza confermando che i Paesi del nord Europa sono sempre precursori in molti campi. Quello varato da Helsinki è un programma sperimentale per 2 mila persone. Per due anni ogni cittadino, indipendentemente dalla fascia di reddito, tutti i mesi riceverà 560 euro che non saranno tassati. Al termine dei due anni il governo finlandese valuterà gli effetti per poi decidere se estenderlo a tutti i cittadini o a determinate fasce.

Il governo della Finlandia ritiene che, a lungo termine, il progetto sia in grado di garantire una riduzione della spesa pubblica, in relazione in particolare al complesso sistema di welfare nazionale e alla collegata macchina burocratica. La novità, secondo l’esecutivo, non costituirà un alibi per chi attualmente è disoccupato. Chi trovasse un lavoro, infatti, non perderebbe il contributo statale. Il progetto, un unicum in Europa. vuole verificare se un aiuto statale è in grado di stimolare chi ha perso il posto a trovare qualche idea nuova d’impresa.

Il progetto per il reddito di cittadinanza finlandese è iniziato dal 1 gennaio portato avanti dall’agenzia governativa responsabile per i servizi sociali che ha avuto il compito di selezionare i 2 mila prescelti per la sperimentazione. Altro progetto paragonabile si sta avviando in Scozia.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Quell’asse Draghi-Renzi sui Servizi

A volte guarda che strane le coincidenze! Il direttore del Dis (il coordinamento dei Servizi segreti) Gennaro Vecchione informa il Copasir, cioè il Parlamento, che lo 007 Marco Mancini ha incontrato Matteo Renzi nell’autogrill di Fiano Romano senza informare i superiori, e 48 ore dopo

Continua »
TV E MEDIA