Un flop le manifestazioni dei No Green Pass nelle stazioni. In pochi hanno aderito all’insensato appello di bloccare i treni. Un fermato a Torino

No Green Pass stazioni
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Poche persone hanno aderito alla manifestazione contro il Green Pass annunciata per oggi in diverse stazioni ferroviarie d’Italia. La protesta era stata organizzata attraverso i canali social, Telegram in particolare (leggi l’articolo), da parte di cittadini contrari all’estensione dell’obbligo della certificazione verde per chi viaggia sui treni a lunga percorrenza. “Non ci fanno partire con il treno senza il passaporto schiavitù? Allora non partirà nessuno”, avevano scritto in un volantino diffuso sul web, che annunciava la manifestazione per oggi pomeriggio.

No Vax e No Green Pass volevano, inizialmente, bloccare i treni. In realtà, però, sono stati pochi i manifestanti che davvero si sono presentati negli scali ferroviari, tanto che l’annunciata manifestazione e’ apparsa come un flop. Stazioni presidiate comunque dalle forze dell’ordine e popolate da viaggiatori in transito (leggi l’articolo).

Nel piazzale della stazione Tiburtina di Roma si sono radunate una decina di persone, tranquille e in ordine sparso, che hanno motivato il loro no al vaccino parlando con i giornalisti presenti. “Vaccinata io? Non mi sono mai curata in vita mia, ho più di 80 anni, mi vado a fare il vaccino adesso? No, il vaccino ammazza, non guarisce. Ci stanno imbrogliando, vogliamo sapere chi dà gli ordini”, ha detto una donna anziana che manifestava alla stazione Tiburtina.

A Torino erano poco più di venti i manifestanti che si sono riuniti pacificamente e con mascherine alla stazione di Porta Nuova. Nella città piemontese si è registrato anche un fermo: un ventenne prima ha rifiutato di fornire alla Polizia le proprie generalità e poi ha tirato un calcio a un agente.

Anche a Milano, nel piazzale antistante alla Stazione di Porta Garibaldi, c’erano poche persone, sparpagliate. “Non mi fido del vaccino”, gridava uno dei manifestanti. “Ognuno è libero di vaccinarsi e di fare quello che vuole con il proprio corpo – ha spiegato una ragazza – ma il Green Pass è ridicolo e assurdo”. Un cartello con scritto “Rip Democrazia”, qualche grido all’indirizzo dei giornalisti e poi anche chi diceva di essere “contro la misura del Green Pass ma non contro i vaccini”.

Stazione controllata dalle forze dell’ordine anche a Bologna, dove all’orario fissato erano schierati circa trenta agenti, tra Polizia, Polizia Municipale e Guardia di Finanzia. A Reggio Calabria, dove la stazione centrale era stata indicata tra i luoghi scelti per le proteste, nessun manifestante si e’ presentato all’appuntamento. Viaggiatori in transito regolarmente, forze dell’ordine a presidiare lo scalo ferroviario e soltanto due giovani curiosi.

“Volevamo capire da chi fosse organizzata” la manifestazione, ha spiegato uno di loro. “Se veramente ci fossero le intenzioni da parte della classe politica di rendere questa la soluzione – ha aggiunto -, se ne prendano le responsabilità e rendano obbligatorio il vaccino, per esempio. Sarebbe diverso. Non sono no vax, sono stato vaccinato – ha precisato – ma sono contro questo lasciapassare: non c’è un dibattito che riesca a dare uno spessore, una critica a quello che sta succedendo”.

Leggi anche: La Polizia identificherà No Vax e No Green Pass iscritti ai gruppi Telegram da cui arrivano odio e minacce. Per i pm è istigazione a delinquere. Sibilia: “Il Viminale intende prevenire ogni rigurgito violento”.