Gianni Dall’Aglio, chi è il batterista? Età, I Ribelli, moglie Orietta Ravenna, figli e carriera

gianni dall'aglio
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Chi è Gianni Dall’Aglio, il batterista che durante la sua carriera ha collaborato con artisti come Adriano Celentano, Mina e Lucio Battisti?

Gianni Dall’Aglio, chi è il batterista? Età, carriera e I Ribelli

Gianni Dall’Aglio è nato il 1° ottobre 1945 a Mantova e ha cominciato a suonare la batteria all’età di soli 6 anni. Da giovanissimo, ha iniziato a esibirsi presso le realtà locali e, ad appena 14 anni, è diventato il batterista di una delle più importanti personalità della musica italiana ossia Adriano Celebntano. Al fianco del cantante, inoltre, il giovane batterista ha debuttato anche al cinema e in televisione.

Intanto, il musicista ha continuato a dedicarsi alla musica collaborando alla nascita del gruppo I Ribelli.

Nel corso della sua carriera, Dall’Aglio ha avuto la possibilità di intrattenere collaborazioni musicali con molti artisti estremamente famosi e apprezzati in Italia e all’estero come Lucio Battisti, Mina e Patty Pravo. Con quest’ultima, ha realizzato Pensiero Stupendo, brano che si è imposto nella storia della musica italiana.

L’artista è direttore di una scuola di batteria che ha sede a Mantova mentre, nel 2014, ha pubblicato l’autobiografia Batti un colpo.

Vita privata, moglie Orietta Ravenna e figli

Per quanto riguarda la sua vita privata, Gianni Dall’Aglio ha sposato Orietta Ravenna il 18 giugno 1967. Pochi mesi dopo, a novembre, la coppia avuto la figlia Iris. Il batterista e sua moglie sono estremamente legati l’uno all’altra e il loro rapporto è incredibilmente intenso e forte nonostante il trascorrere degli anni.

Nel 2008, il musicista ha donato alla sua compagna di vita un rene: l’intervento si è tenuto presso l’Ospedale di Borgo Trento a Verna. Poco dopo l’operazione chirurgica, Orietta Ravenna ha pubblicato il suo libro intitolato Il filo della danza, edito da Gilgamesh edizioni. Il romanzo narra il modo in cui la danza e la vita possono intrecciarsi armoniosamente tra loro, proprio come dimostra l’esperienza della scrittrice.