Gianrico Carofiglio volontario per il vaccino italiano Reithera: “Spero di fare nel mio piccolo qualcosa di utile”

gennaro carofiglio
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

“Sono arrivato nell’ospedale di Caserta, nel reparto diretto dal professor Paolo Maggi, in mattinata: ho fatto le analisi, il tampone. E poi hanno provveduto all’inoculazione. Mezz’ora di osservazione e via. Eravamo in cinque. E tutti molto fiduciosi e motivati. Speriamo, nel nostro piccolo, di fare qualcosa di utile”. Lo scrittore ed ex magistrato Gianrico Carofiglio racconta così, in un’intervista a ‘Repubblica’, la sua esperienza da volontario per la sperimentazione del vaccino italiano ReiThera.

Gianrico Carofiglio volontario per il vaccino italiano Reithera

Carofiglio è tra i 900 volontari che stanno partecipando alla sperimentazione e non sa se è tra chi ha ricevuto il placebo o il farmaco: “Eravamo divisi in tre gruppi. A uno, ma non sappiamo a chi, non è capitato il farmaco. Spero non a me”, dice sorridendo. Quanto alla campagna vaccinale, Carofiglio sottolinea: “Esistono due generi di problemi. Uno riguarda, evidentemente, chi organizza la campagna vaccinale. Ed è un problema di comunicazione. L’errore che non bisogna fare in una situazione come questa è non avere una voce unica o comunque coordinata. Il pericolo è che soggetti diversi dicano cose opposte. Il problema è sorto domenica scorsa quando, giustamente, il generale Figliuolo ha detto: ‘Per non buttare le dosi, vacciniamo anche il primo che passa’. Nella stessa giornata sono arrivate rassicurazioni su AstraZeneca. Ma il giorno dopo il vaccino è stato sospeso. È evidente che tutto questo produce un effetto di disorientamento”.

Come mettersi in lista per i vaccini avanzati: il piano per il “vaccino sospeso” di Figliuolo e le liste di riserva per le dosi residue

Secondo Carofiglio, la soluzione è “dire sempre la verità”, “non fare promesse che non possono essere mantenute”, “comunicare in modo diretto, chiaro, senza retorica”, “riconoscere le paure, rendendole esplicite. E rassicurandole”. E infine “non negare le difficoltà ma di inserirle in un ragionamento che sia un percorso di senso”. Intanto però c’è chi il vaccino ancora lo attende, nonostante ne abbia diritto: le vaccinazioni degli over 80 stanno andando a rilento in molte regioni italiane e più in generale a essere in ritardo sul piano vaccini sono tutte regioni di centrodestra.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Bongiorno conflitti d’interesse

Fosse per certi leghisti dovrebbe dimettersi pure Papa Francesco. Quindi che c’è da meravigliarsi se ieri si sono svegliati con la pretesa di cacciare dal governo la sottosegretaria Macina, coriacea esponente dei 5 Stelle passata per le armi senza bisogno di processo per lesa maestà

Continua »
TV E MEDIA