Gli 007 ucraini uccidono uno dei negoziatori. Il banchiere Denis Kireev era sospettato di tradimento

Denis Kireev
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Il servizio di sicurezza ucraino ha ucciso a colpi di arma da fuoco un membro della delegazione negoziale ucraina a Gomel, Denis Kireev. L’uomo era sospettato di tradimento. A riportarlo Ukrainska Pravda citando quali fonti interlocutori di alto rango negli ambienti politici. Secondo la fonte, gli 007 ucraini avevano dati chiari sul tradimento di Kireev, comprese delle conversazioni telefoniche.

Kireev era sospettato di tradimento. Ha partecipato ai colloqui di Gomel

La notizia della morte di Kireev è stata diffusa anche dall’agenzia di stato ucraina Unian rivelando il nome del negoziatore accusato di essere una spia. Era un banchiere di grande esperienza. Dal 2006 al 2008 Kireev ha lavorato presso SCM Finance, dove ha ricoperto la carica di vicedirettore generale. Ha poi lavorato per l’azienda austriaca Group Slav Ag Klyuyev. Dal 2006 al 2012 è stato anche componente del Consiglio di Sorveglianza di Ukreximbank. Dal 2010 al 2014, in quota Klyuyev, ha ricoperto la carica di Primo Vice Presidente del Consiglio di Oschadbank.

“Durante l’arresto da parte della Sbu, un membro della prima delegazione dell’Ucraina inviata a Gomel, Denis Kireev, è stato ucciso. Era sospettato di tradimento. Kireev è un uomo dei Klyuev (Andriy Klyuev, segretario del Consiglio di sicurezza e difesa nazionale di Ucraina nel 2012-2014). Come è entrato nella composizione della delegazione ucraina per i negoziati con gli occupanti – vuoi davvero scoprirlo dall’ufficio del presidente?” ha scritto su Telegram il deputato della Verkhovna Rada, il Parlamento monocamerale ucraino, Aleksandr Dubinsky.

“Kireev è stato effettivamente ucciso proprio nel centro di Kiev. E’ stato letteralmente giustiziato, colpito alla testa all’ingresso del tribunale di Pechersk” ha detto l’analista politico indipendente, Mario Dubovikova, citato dall’agenzia di stampa ucraina, Ians. Il banchiere era considerato una creatura dell’oligarca Andrei Klyuev, un alleato dell’ex presidente ucraino Viktor Yanukovich.

“L’omicidio a Kiev di un membro della prima delegazione ucraina in trattativa con la Federazione Russa, Denis Kireev, dimostra che senza la completa denazificazione del Paese sarà impossibile raggiungere accordi con la Russia” ha detto il vicepresidente della Duma, Sergei Neverov.