Gli alfaniani sfrattati dagli uffici di Montecitorio

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Parenti serpenti, recita un detto popolare. così per i “cugini” ormai “poveri” ex Pdl passati al Nuovo centrodestra (ovvero gli alfaniani), alla Camera è arrivato lo sfratto dagli uffici del gruppo parlamentare adesso occupato esclusivamente da Forza Italia. Tra i primi a farne le spese Maurizio Bernardo, ex tesoriere del gruppo Pdl a Montecitorio che con sorpresa e disappunto, al suo arrivo nelle stanze occupate finora si è visto negare l’accesso: gli è stata mostrata una lettera firmata dal presidente dei deputati di Fi Renato Brunetta in cui si spiega che quegli uffici sono ormai destinati soltanto agli azzurri. Tra i deputati di Ncd è stata grande l’amarezza per il trattamento a loro riservato dagli ex colleghi di partito. La prossima settimana ai deputati di Ncd (che sono 29) dovrebbero essere assegnati i nuovi uffici.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Per la sinistra dei Tafazzi non c’è cura

Inutile nascondersi dietro alibi o rimpianti: il vaccino per il Covid l’hanno trovato ma per l’autolesionismo della Sinistra non c’è cura. A destra, dove Salvini e Meloni non si parlano e Forza Italia ormai ha poco da dire, come al solito si presenteranno con candidati

Continua »
TV E MEDIA