Il complotto per far cadere il governo Conte: “Renzi? È stato qualcosa di più grosso”

Giuseppe Conte
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Goffredo Bettini rilancia sulla caduta del governo Conte Bis e non indica più Matteo Renzi come il principale responsabile. L’esponente del Partito Democratico aveva scritto di una “convergenza di interessi nazionali e internazionali” nel manifesto di presentazione di “Le Agorà”, la sua corrente. O area, come lui vuole che venga chiamata.

Il complotto per far cadere il governo Conte: “Renzi? È stato qualcosa di più grosso”

Nel manifesto programmatico che ha fatto discutere c’era un riferimento alla caduta del governo Conte, provocata da “una convergenza di interessi nazionali e internazionali” più che “da suoi errori”. Ieri, racconta il Fatto Quotidiano, in collegamento coi 34 ospiti della maratona – tra cui i ministri Andrea Orlando, Dario Franceschini e Roberto Speranza, ma anche amministratori locali e intellettuali d’area come Nadia Urbinati, Andrea Riccardi e Mario Tronti – Bettini ha confermato la sua versione.

“Magari qualcuno ha idea che certe tecnocrazie stiano in una dimensione eterea, che siano disinteressate. Invece no:  i sono interessi precisi”. Non si tratta “di un complotto”, ma di poteri che tutelano i propri interessi. “C’era un  bombardamento sul governo che andava molto al di là dei suoi difetti, perché si muovevano interessi a cui quel governo non rispondeva. Forse troppo Mezzogiorno e poco Nord, troppa spesa sociale e non grandi industrie”.

Gli interessi internazionali dietro la caduta del Conte Bis

E allora “Renzi avrà fatto quello che ha fatto per puro spirito civico, ma c’è stato qualcosa di più grande che si è mosso”. Dopodiché «nel vuoto e nell’incertezza» che si era «determinata, il presidente Mattarella ha saputo mettere a disposizione della Repubblica Mario Draghi. Una grande personalità. Una risposta di emergenza ad una situazione di emergenza».

Le frasi di Bettini non sembrano impressionare molto soprattutto il Nazareno. “Conte è cascato, dopo una debolezza durata mesi, quando è venuta meno la sua maggioranza e sono falliti i tentativi di ricostruirla con i famosi responsabili», taglia corto Luigi Zanda. «Forse Bettini confonde l’Italia del 2020 con il Cile del ’73», ironizza Enrico Borghi, che per Base riformista  siede nella segreteria Letta: «La senilità, si sa, porta spesso a  rimpiangere la gioventù, ma la stagione in cui faceva il guru del Pd è finita, ora tutt’al più può fare il guru della sua corrente». Non è da meno Matteo Orfini: «Conte ha pagato l’incapacità di fare quel cambio di passo che Zingaretti chiedeva da tempo. Il complottismo viene sempre utilizzato, nei momenti di difficoltà, per spiegare un fallimento».

Leggi anche: Il pranzo vietato al ristorante con fuga dalla finestra dei politici in Sardegna. Colonnelli, dirigenti e forestali a tavola. Poi il fuggi-fuggi

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Quell’asse Draghi-Renzi sui Servizi

A volte guarda che strane le coincidenze! Il direttore del Dis (il coordinamento dei Servizi segreti) Gennaro Vecchione informa il Copasir, cioè il Parlamento, che lo 007 Marco Mancini ha incontrato Matteo Renzi nell’autogrill di Fiano Romano senza informare i superiori, e 48 ore dopo

Continua »
TV E MEDIA