Grillo si riprende la scena. Il nuovo Statuto M5S entro 5 giorni. Quasi concluso il confronto sul documento. “Osservazioni reciproche in corso sulle regole”

M5S Grillo
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Inizialmente sembrava una posizione talmente critica da portare a un’eventuale rottura tra Beppe Grillo e Giuseppe Conte. E così è stata letta da molti giornali, dimentichi però che il garante del Movimento è da sempre caratterizzato dal suo essere, nel bene o nel male, sopra le righe. Ecco perché alcune dichiarazioni emerse ieri dall’incontro che l’ex comico ha avuto con i parlamentari non devono sorprendere: “Conte deve studiare e imparare cos’è il Movimento”.

Anche con queste frasi ad effetto – che avevano il fine di far capire a tutti i parlamentari l’importanza che il Movimento mantenga sempre fede ai suoi princìpi fondanti – Grillo ha spiegato personalmente a loro a che punto sono le trattative con il leader in pectore ed ex premier per la fondazione del neo Movimento. E se i segnali di una mediazione possibile all’orizzonte ci sono (aiutati anche da una telefonata tra i due avvenuta in mattinata), il fondatore si è ripreso la scena per ribadire che, alla fine, è sempre lui a tirare le fila. O, quantomeno, a garantire che il Movimento rimanga sempre “il Movimento”.

LA GIORNATA. Insomma quando ha affidato all’avvocato la difficile rifondazione del M5s, non era un’offerta a carta bianca e ora intende avere l’ultima parola. “Lo statuto messo a punto da Giuseppe Conte è molto diverso dal nostro”, ha esordito il garante secondo quanto riferito dalle agenzie di stampa. “È di trentadue pagine e da quando l’ho ricevuto ci sono delle osservazioni reciproche in corso sulla bozza”. E, con il consueto tono provocatorio, ma senza nascondere l’irritazione, ha aggiunto: “Sono un garante non un coglione”.

Leggi anche: Nuova era per i Cinque Stelle. La svolta con l’asse Conte-Grillo. Parla l’europarlamentare M5S, Dino Giarrusso: “Normale che Beppe voglia tutelare i nostri princìpi”.

In generale, stando a quanto trapelato, il leader del Movimento non ha nascosto una certa amarezza per la situazione: “A Conte avevamo detto di prendere lo statuto e di farlo evolvere, di partire dal nostro statuto. Lui invece ha preso due avvocati e ha scritto un’altra cosa. Me lo ha dato e mi ha detto di non farlo leggere a nessuno. Io l’ho letto e tante cose non andavano”.

Insomma la questione non è chiusa, ma Grillo ha garantito che si dovrà ancora aspettare per poco tempo perché “siamo a tre quarti” del lavoro: “Vi prometto che entro 2-3 giorni presenteremo il nuovo statuto con Conte”, ha detto. “Noi stiamo lavorando bene con Conte. Ci vorranno ancora 2-3-5 giorni. Mando le mie osservazioni in giallo e lui mi risponde in rosso io in verde e lui in nero”. E ha aggiunto: “Stiamo facendo un lavoro straordinario, questo statuto ci sopravviverà”.

PUNTI DI CONTATTO. In realtà la presentazione del nuovo Movimento, in un primo momento avrebbe dovuto svolgersi proprio ieri, ma l’evento è stato rinviato proprio a causa delle divergenze interne. Grillo parlando ha anche presentato il nuovo logo del M5s, specificando che ci sarà soltanto la dicitura “2050”, oltre ovviamente alla classica scritta “Movimento 5 stelle”. Un segnale che il progetto concreto c’è e malgrado le scosse intende andare avanti.

Poi il garante ha affrontato anche uno dei nodi più critici e proprio uno dei punti su cui si è già più volte scontrato proprio con Conte: la regola del limite dei due mandati, una norma che ha definito l’identità dello stesso Movimento fino a oggi. “Io sono per i due mandati, farei anche una legge, ma lo metteremo al voto degli iscritti“. Perché il fondamento del discorso, al di là del confronto (anche acceso in alcuni casi), è che né Grillo né Conte vogliono rinunciare all’anima del Movimento: la partecipazione attiva e diretta dei suoi attivisti.