Guerra alle baraccopoli abusive. A Roma la Raggi risale sulla ruspa. Demolite 27 abitazioni nel campo rom La Barbuta. Ripristinata la legalità ignorata da tutti per anni

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Alla fine sulla ruspa a Roma c’è sempre e solo la sindaca Virginia Raggi. Prima con gli abbattimenti delle abitazioni abusive del potente clan Casamonica e ora con le demolizioni delle baracche del campo rom La Barbuta, infinite volte al centro di indagini e polemiche per i roghi tossici appiccati per recuperare rame dai fili elettrici rubati. Matteo Salvini ha parlato tanto di ruspa ma, come i suoi precedessori di centrodestra e i suoi avversari di centrosinistra, per riportare realmente la legalità, oltre a qualche foto utile sui social, non ha fatto niente. La sindaca pentastellata sta facendo i fatti.

L’INTERVENTO. Ieri la Raggi ha dato il via all’abbattimento di 27 baracche abusive a La Barbuta e ha annunciato che nei prossimi mesi il campo verrà chiuso. “Nostra via è coniugare legalità e inclusione. Diritti a chi rispetta le regole, lavora e manda i figli a scuola. Nessuna tolleranza per chi viola la legge’’, ha twittato. Parole seguite ad un’azione concreta a differenza di quelle del Capitano e delle confuse truppe sovraniste. Molti dei moduli abitativi demoliti erano in passato bruciati proprio a causa dei roghi tossici che avvelenano l’aria della zona e la salute dei cittadini. “Queste baracche – ha sottolineato la sindaca – avevano un impatto nocivo sull’ambiente e a livello igienico-sanitario”.

Un intervento dunque il suo per tutelare gli abitanti dei quartieri vicini a La Barbuta e le stesse persone presenti nel campo, in particolare anziani e minori a cui è stata offerta assistenza. Facile del resto dire che verranno allontanati tutti quelli che vivono nell’illegalità, mentre è ben più complesso gestire e farsi carico di tali situazioni. ‘’La Barbuta – assicura la Raggi – è parte fondamentale del nostro piano per superare e chiudere i campi rom. Un percorso studiato nell’ottica di contemperare diritti e doveri”. Con un bando pubblico, quasi due anni fa, il Campidoglio ha assegnato il superamento di tali realtà alla Croce Rossa, i cui operatori si confrontano quotidianamente con chi vive a La Barbuta, spiegando loro che hanno finalmente l’opportunità di uscire dal ghetto, di inserirsi nel mondo del lavoro e di mandare i bimbi a scuola.

“Chi accetta questa prospettiva viene sostenuto. Nessuna tolleranza, invece, per chi preferisce continuare a vivere di espedienti e sotterfugi, all’interno dei campi e al di fuori delle regole’’, evidenzia la sindaca, agguìiungendo che la retorica dell’assistenza a prescindere danneggia prima di tutto le persone più deboli, perché ne impedisce l’inclusione e le condanna all’impossibilità di raggiungere l’autonomia. “Radere al suolo i campi senza proporre alternative – afferma l’esponente pentastellata – al contrario moltiplica solo i problemi senza risolverli. Legalità significa garantire diritti a chi rispetta le regole della nostra comunità. Ma anche non transigere con chi viola la legge. Questa è la nostra via per superare gradualmente, fino a chiuderli, i campi rom della città’’.

Nei giorni scorsi, intervistata a La7, la sindaca ha dichiarato che i campi rom “li ha aperti Salvini con le sue forze politiche, ai tempi di Alemanno che allora fu aiutato da Berlusconi e della Lega”. Carlo Stasolla, presidente di Associazione 21 luglio, impegnata da dieci anni nella difesa dei diritti delle comunità rom, ha invece precisato che con la giunta Alemanno è stato aperto il campo La Barbuta e gli altri con le precedenti giunte di centrosinistra, quelle di Francesco Rutelli e Walter Veltroni. Fatto sta che gli unici abbattimenti e le uniche vere iniziative per chiudere quelle strutture ci sono stati con l’arrivo in Campidoglio dei 5S.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Adesso basta errori sul virus

Cantano vittoria come se avessero ottenuto chissà cosa, ma l’Italia che comincia a riaprire dal 26 aprile non è un successo delle destre. Con le solite balle a uso elettorale, Salvini & company da ieri stanno ingolfando i social per intestarsi il ritorno alla normalità

Continua »
TV E MEDIA