Guerra in Ucraina, Mariupol è quasi distrutta. E ora potrebbe toccare a Odessa. Domani a Kiev l’incontro tra Zelensky e von der Leyen

Guerra in Ucraina
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Il presidente ucraino, Volodymyr Zelensky, incontrerà domani, nella Capitale Kiev, la presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen. Ad annunciarlo è stato il segretario per la stampa della presidenza, Serhiy Nikiforov. “Ci sarà un incontro con il presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen domani. Non posso dire a che ora per motivi di sicurezza, ma in qualche momento della giornata”, ha detto Nikiforov alla televisione ucraina. (qui tutti gli articoli sulla guerra in Ucraina)

Guerra in Ucraina, Ursula von der Leyen sarà a Kiev domani insieme a Josep Borrell

Lo scopo della visita in Ucraina della presidente della Commissione Ue è di discutere il quinto pacchetto di sanzioni contro la Russia in preparazione a livello europeo, che, secondo la proposta di Bruxelles, includerà un embargo sulle importazioni di carbone russo. “Non sarà l’ultimo pacchetto di sanzioni”, ha detto il portavoce del presidente ucraino.

Insieme alla presidente della Commissione europea von der Leyen, sarà domani a Kiev, anche l’Alto rappresentante dell’Ue per la Politica estera, Josep Borrell.

Il messaggio che Ursula von der Leyen porterà al presidente Zelensky e agli ucraini, ha detto il portavoce della Commissione, Eric Mamer, “è di completa solidarietà dell’Unione Europea all’Ucraina di fronte a questa invasione da parte della Russia”. Von der Leyen, ha spiegato Mamer, ribadirà “il sostegno che l’Unione europea sta fornendo e continuerà a fornire all’Ucraina in queste difficili circostanze” e “attende con impazienza la conferenza dei donatori che si terrà sabato pomeriggio a Varsavia”.

Guerra in Ucraina, Zelensky: “Mariupol è quasi distrutta. Dobbiamo salvare Odessa”

Intanto i bombardamenti non si fermano. Mariupol, ha detto questa mattina il presidente Zelensky in un intervento al Parlamento greco, “era una città di mezzo milione e ci sono ancora circa 100.000 persone. Ma non c’è praticamente nessun edificio integro”.

“La stragrande maggioranza degli edifici della città – ha aggiunto il presidente ucraino – è completamente distrutta. L’esercito russo ha distrutto tutto: ospedali, ospedali per la maternità, condomini e il teatro cittadino, dove i civili si nascondevano dalle bombe. Mariupol è quasi distrutta. Dobbiamo salvare Odessa dalla distruzione subita da Mariupol”.