Guerra in Ucraina, Zelensky invita Putin a uscire dalla “bolla” e dialogare. E sulle proposte di Mosca: “Non siamo per gli ultimatum”

Guerra in Ucraina Kiev
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Il presidente ucraino, Volodimir Zelensky, intervistato dall’Abc, ha risposto al Cremlino chiarendo di non accettare “ultimatum” per fermare la guerra in Ucraina e ha chiesto a Vladimir Putin di uscire dalla sua “bolla” e consentire il “dialogo”.

“Questo è un altro ultimatum e non siamo per gli ultimatum” ha aggiunto Zelensky rispondendo ad una domanda sulla proposta formulata da Mosca di un cessate il fuoco condizionato alla rinuncia, da parte di Kiev, dell’adesione alla Nato, del riconoscimento della Crimea come territorio russo e dell’indipendenza del Donbass.

Guerra in Ucraina, Zelensky domani parlerà ai deputati della Camera dei Comuni britannica

Zelensky domani terrà un discorso, in videocollegamento, ai deputati della Camera dei Comuni britannica alle 17 ora locale (le 18 in Italia). Ad annunciarlo oggi, in Aula, è stato lo speaker dell’assemblea, Lyndsay Hoyle, definendo l’evento “storico”. Ci si attende che Zelensky rinnovi l’appello al Regno Unito e all’Occidente per un rafforzamento dell’aiuto militare a Kiev.`

E proseguono i contatti di Zelensky con i leader europei, per accelerate le trattative sull’entrata del suo paese nell’Unione Europea. Il presidente ucraino ha parlato con il presidente della Lituania. “In costante contatto con gli amici. Detto a Gitanas Nauseda sull’attuale situazione militare e umanitaria in Ucraina. Abbiamo anche concordato i prossimi passi per l’adesione dell’Ucraina all’Unione Euoropea. Sentiamo il sostegno della Lituania”, ha scritto lo stesso presidente ucraino su Twitter.