I fratelli accusati dell’omicidio di Willy Monteiro al gip: “Non lo abbiamo toccato, respingiamo ogni accusa”. Conte chiama i genitori del 21enne

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

“Non lo abbiamo toccato, respingiamo ogni accusa. Siamo interventi per dividere una rissa. Abbiamo visto un parapiglia e siamo arrivati”. E’ quanto hanno Marco e Gabriele Bianchi, i due fratelli di Artena, in provincia di Roma, nel corso dell’interrogatorio di convalida dell’arresto per l’omicidio del 21enne Willy Monteiro Duarte, avvenuto sabato notte a Colleferro.

“Sono rimasto fortemente colpito, anche scioccato, mi rendo conto che è una parola forte dalla vicenda di Willy. Ecco perché ho preferito prima parlare con i genitori del ragazzo, e poi rilasciare dichiarazioni” ha detto il premier Giuseppe Conte. “Li ho chiamati, l’ho fatto in punta di piedi – ha aggiunto il premier – perché non volevo essere invasivo in un momento di estremo dolore, pur facendo sentire la vicinanza del Governo. Ho sentito un padre molto provato”.

“Non spetta a me farmi carico delle investigazioni giudiziarie – ha detto ancora Conte -, se ci sarà o meno l’aggravante razziale lo decideranno i magistrati e affido all’autorità italiana il compito di stabilire le responsabilità e le giuste condanne. Ma fermiamoci un attimo tutti a riflettere. Cosa diremo ai nostri figli? Io ho un figlio di 13 anni, cosa gli dirò? Di non intervenire se vede una lite? Che cieca violenza si è scatenata nei confronti di un ragazzo che è intervenuto per sedare una lite? Interroghiamoci su questo”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

La solita Lega di Lotta e di Governo

Con la maggioranza gialloverde aveva fatto incassare bene al botteghino elettorale. Quindi niente di strano se torniamo a vedere il film della Lega di lotta e di governo. Il copione è sempre lo stesso. Salvini promette cose impossibili, illudendo un’Italia stremata dalle misure anti-Covid che

Continua »
TV E MEDIA