Il Capitano non manda giù la sconfitta e annuncia battaglia. “Dove non abbiamo vinto oggi vinciamo la prossima volta. La differenza la Lega la fa dopo il voto”

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

“Dove non abbiamo vinto oggi vinciamo la prossima volta”. Così il leader della Lega, Matteo Salvini, incontrando a Bologna i giornalisti insieme a Lucia Borgonzoni per commentare l’esito delle regionali in Emilia Romagna. Il leader della Lega annuncia battaglia: “Hanno promesso tutto e il contrario di tutto, verificheremo che ci siano i bus gratis”, riferendosi ad alcune delle proposte di Stefano Bonaccini.

“La differenza la Lega la fa dopo il voto. Non vediamo l’ora di confrontarci con le nostre proposte, da oggi abbiamo ancora più voglia di lavorare”, rimarca Salvini. Poi su una lettura nazionale del voto il leader del Carroccio sottolinea: “Io guardo casa mia e non commento i problemi altrui”. Quanto invece alla coalizione di centrodestra Salvini sia in Emilia-Romagna che in Calabria la giudica “di assoluta compattezza”. “Se si fosse votato a livello nazionale – ha detto ancora il Capitano -, il centrodestra avrebbe stravinto”.

“Lo dico ai colleghi giornalisti – ha poi aggiunto -. Non sopravvalutateci, non abbiamo i mezzi per avere sempre strategie o algoritmi. Seguiamo il cuore e la passione. In Emilia Romagna abbiamo raddoppiato i voti e gli eletti, questo ci dà una grande responsabilità, in 4 province su 9 la Lega ha stravinto. Non auguro mai sfortune agli altri. E’ chiaro che se nell’arco di qualche mese il primo partito non entra nemmeno in Consiglio regionale in Calabria e in Emilia-Romagna lo fa con una persona, c’è uno spostamento a sinistra. Ci confronteremo con due idee diverse di Paese”.

E ancora: “Non vediamo l’ora di essere messi alla prova. Sono straconvinto che Lucia potesse giocarsela fino in fondo e entusiasta delle idee che Lucia ha portato in giro”. Per Salvini l’Emilia-Romagna è “regione esigente”, per questo “è un onere e un onore quello di rappresentare così tante persone”.