Il cinema piange l’icona sexy Laura Antonelli. L’attrice è morta in solitudine nella sua casa di Ladispoli. Il successo iniziò con il ruolo della sensuale cameriera nel film Malizia

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Il cinema piange Laura Antonelli. L’attrice, 74 anni, è stata ritrovata senza vita nella sua casa di Ladispoli, vicino Roma. L’allarme è stato dato dalla donna delle pulizie che questa mattina alle otto ha ritrovato il corpo riverso sul pavA dare l’allarme, verso le 8, è stata la donna delle pulizie che l’ha trovata riversa sul pavimento. La signora ha quindi chiamato i carabinieri e il 118 ma i medici non hanno potuto far altro che constatare il decesso.

L’icona sexy del cinema italiano avendo lavorato per gli anni ottanta in film comici o sexy.  Il successo per la Antonelli era arrivato nel 1973 con il ruolo della sensuale cameriera di “Malizia” di Salvatore Samperi. Fa parte del cast ‘Grandi magazzini’ di Castellano e Pipolo e al fianco di Diego Abatantuono in ‘Viuuulentemente mia’ di Carlo Vanzina. Interpreta – nel 1985 – ‘La Venexiana’, tratta dall’omonima commedia del ‘500, accanto a Monica Guerritore. Successivamente approda anche nel piccolo schermo con alcune mini-serie televisive.

Ma il tracollo comincia nella notte del 27 aprile del 1991 quando vengono ritrovati in casa sua a Cerveteri 36 grammi di cocaina. Verrà condannata in primo grado a tre anni e sei mesi di carcere per spaccio di stupefacenti, assolta poi dalla Corte d’appello di Roma, che la riconosce consumatrice abituale di stupefacenti, ma non spacciatrice.