Il diluvio dopo Beverly Hills

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

di Gianluca Schiavone

Noi ventenni di oggi eravamo poco più che bambini, loro già adulti in carriera mascherati da adolescenti sprovveduti. Noi attendevamo l’appuntamento pomeridiano seduti in pole position sul divano di casa, loro erano già più disincantati e l’unica ansia la vivevano a fine mese per coprire i costi del loro staff. Noi ci lasciavamo intenerire dalle trame di cui erano protagonisti, loro lasciavano quel fare un po’ ingenuotto sul set e, a riflettori spenti, si dividevano fra festini promiscui e stili di vita degni dei peggiori bar de Caracas. Noi oggi siamo ancora qui, cresciuti e cambiati, e invece loro?

BENIAMINI
Che fine hanno fatto i beniamini di Beverly Hills 90210, l’unico teen drama che ha scosso le coscienze di intere generazioni e ha lasciato un segno tanto profondo da far parlare di sé ancora oggi con entusiasmo? Al di là di quelli perennemente ricoverati in cliniche di disintossicazione o di quelli scappati dalle grinfie del mondo dello spettacolo, sui protagonisti del triangolo amoroso più popolare degli ultimi 30 anni il web ci regala indizi sparsi da collegare, poi, con quel intuito da portinaia che nella vita torna sempre utile. Dopo averci regalato una verità universale, e cioè che se il proprio fidanzato è un Dylan, per vivere serene, è meglio avere una Kelly come borsa che come migliore amica, Shannen Doherty ha dichiarato di essere stata molto segnata da quegli anni illuminati dal successo ma anche troppo accelerati, perciò, dopo essersi concessa una breve pausa, alla fine degli anni ‘90 è tornata nel ruolo della Prue Halliwell di Charmed per, poi, silurata dopo sole 3 stagioni, iniziare un percorso tortuoso fatto di comparsate, un’esperienza da ballerina in Dancing with the stars che avrà resa orgogliosa la Carlucci d’oltreoceano, un matrimonio lampo nel 2011 con tale Kurt Iswarienko (che non avrà amato a prima vista per la semplicità del cognome) e un reality show in stile pechino express che vedremo in onda nel 2015.

CHE ORMONI!
Fin dalla prima palpatina fra i loro personaggi dagli ormoni prepotenti, Jenny Garth e Luke Perry sono rimasti incastrati nel binomio Kelly/Dylan e, sebbene negli anni successivi abbiano fatto nuove e diverse esperienze, i fan di mezzo mondo ancora sperano di leggere un articolo in cui i due dichiarino finalmente di essersi innamorati fuori dal set e di darci dentro come dei ragazzini allupati pur avendo ormai superato l’adolescenza da qualche lustro; in attesa di quel giorno, il bel Perry arranca nel restare a galla nel mondo patinato di Hollywood e la Garth, dopo un breve cameo nello spin off della serie (90210) in cui ci ha mostrato una Kelly nei panni di mamma single, è stata protagonista della commedia Le cose che amo di te e sembra scontare con rassegnazione la legge del Karma: visto che in passato il suo alter ego ha avuto più uomini che globuli bianchi, ora a lei tocca starsene a casa con 3 figli e senza un marito vigoroso con cui rispolverare i vecchi fasti, insomma, come un’Orietta Berti qualunque. E comunque grazie, amici di Beverly Hills. Come avremmo fatto senza di voi ad imparare l’arte di tradire la fiducia della migliore amica senza farlo sembrare un gesto orribile, ma anzi un nobile atto d’amore? Che classe innata. Che stile inconfondibile. Grazie.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

I politici in fila dalle Lobby

Nel Paese dove il re dei conflitti d’interesse, Silvio Berlusconi, può diventare Presidente della Repubblica, che speranza ha una legge che regoli sul serio i rapporti tra lobby, politica e affari? Se a qualcuno sfuggisse la risposta, è illuminante seguire l’iter parlamentare della norma che

Continua »
TV E MEDIA