Il disastro del Ponte Morandi, arrivano gli indennizzi a 286 famiglie. Risarcimenti anche per 12 imprese

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Arrivano i primi aiuti alle famiglie che hanno perso la casa a seguito del crollo del Ponte di Genova sulla A10. Oggi la Giunta regionale ligure ha approvato il disegno di legge ad hoc. Anche se al momento non si conosce ancora il numero esatto delle abitazioni che andranno abbattute con la demolizione del ponte, ammontano a 286 i nuclei familiari sfollati per un totale di oltre 500 persone.

Inoltre sono interessate dall’ampliamento della legge del Pris (Programma regionale sulle infrastrutture strategiche) anche 12 aziende di varie dimensioni e di svariate centinaia di dipendenti, che dovranno essere tutelate affinché sia garantita la continuità occupazionale e produttiva. A queste verrà riconosciuto, oltre al valore dell’immobile e dell’indennizzo Pris di 45mila euro, un ulteriore indennizzo mensile, motivato dall’immediato sgombero. Il Comitato Pris si è riunito martedì scorso per prevedere le misure nell’ambito dell’approvazione della legge.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Adesso basta errori sul virus

Cantano vittoria come se avessero ottenuto chissà cosa, ma l’Italia che comincia a riaprire dal 26 aprile non è un successo delle destre. Con le solite balle a uso elettorale, Salvini & company da ieri stanno ingolfando i social per intestarsi il ritorno alla normalità

Continua »
TV E MEDIA