Il Governo brasiliano ha chiesto di indagare Bolsonaro per tentato golpe

L'ex presidente brasiliano Jair Bolsonaro potrebbe essere indagato per l'assalto ai palazzi statali da parte dei suoi sostenitori.

Il governo brasiliano ha chiesto di indagare l’ex presidente della Repubblica, Jair Bolsonaro, per un presunto tentativo di colpo di Stato per l’assalto ai palazzo istituzionali compiuto domenica scorsa dai sostenitori dell’ex presidente.

Jair Bolsonaro

L’ex presidente brasiliano Jair Bolsonaro potrebbe essere indagato per l’assalto ai palazzi statali da parte dei suoi sostenitori

La decisione, secondo quanto riferiscono i media brasiliani, è stata presa dopo il ritrovamento di una bozza di decreto, nella casa dell’ex ministro della Giustizia, Anderson Torres, che ipotizzerebbe il ribaltamento del risultato delle elezioni di ottobre vinte da Luiz Inácio Lula da Silva.

“L’arresto di Torres è inevitabile, ora occorre indagare sulla partecipazione dell’ex presidente Bolsonaro e prendere le misure necessarie per i reati contro lo Stato democratico di diritto”, ha detto il capogruppo della maggioranza al Senato, Randolfe Rodrigues.

Il ministro della Giustizia, Flavio Dino, ha affermato che c’è stata una “catena” di eventi “golpisti” che include il tentativo di ignorare il risultato delle elezioni del 2022 e l’assalto ai palazzi del potere a Brasilia di domenica scorsa.

Torres, attualmente negli Stati Uniti, come lo sesso Bolsonaro, si è giustificato dicendo che il documento trovato in casa sua avrebbe dovuto essere “triturato” e che le accuse a suo carico sono state estrapolate dal “contesto” per danneggiarlo. Torres, per il quale è stato spiccato un mandato di arresto, ha già reso noto attraverso il suo avvocato che intende tornare in Brasile per costituirsi.

Decine di deputati dem Usa hanno chiesto a Biden di revocare il visto all’ex presidente brasiliano

Intanto decine di deputati democratici, compresi alcuni della commissione esteri della Camera Usa, hanno chiesto al presidente americano, Joe Biden, che sia revocato il visto all’ex presidente brasiliano Bolsonaro.

“Chiediamo che rivalutiate il suo status nel Paese – scrivono nella lettera i deputati dem – per accertare se c’è una base legale per il suo soggiorno e di revocare qualsiasi visto diplomatico possa avere. Gli Usa non devono fornire riparo a lui o a qualsiasi persona autoritaria che abbia ispirato violenze del genere contro istituzioni democratiche”.

Leggi anche: Brasile, bloccati i conti bancari dell’ex presidente Bolsonaro

Pubblicato il - Aggiornato il alle 15:01
Seguici su Facebook, Instagram e Telegram