Il nuovo esecutivo guidato da Conte si è insediato. A Palazzo Chigi la cerimonia della campanella e poi subito il primo Consiglio dei ministri

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Dopo il giuramento al Quirinale nelle mani del Capo dello Stato, Sergio Mattarella, si è svolta a Palazzo Chigi la cerimonia di insediamento del nuovo esecutivo guidato da Giuseppe Conte. Il presidente del Consiglio, come da prassi, accompagnato dal Consigliere Militare, ha ricevuto gli Onori militari nel cortile di Palazzo Chigi e ha passato in rassegna il Reparto d’Onore. Conte, giunto all’arco centrale del Porticato, ha poi ricevuto il saluto del Segretario Generale della Presidenza del Consiglio ed è stato accompagnato, salendo lo Scalone d’Onore, nella nella Sala dei Galeoni, dove ha ricevuto in consegna la campanella del Consiglio dei Ministri.

Alla cerimonia erano presenti il Sottosegretario di Stato alla Presidenza del Consiglio dei Ministri uscente, Giancarlo Giorgetti, e il Sottosegretario designato, Riccardo Fraccaro. Al termine, il Presidente Conte ha raggiunto la Sala del Consiglio dei Ministri per la prima riunione dell’Esecutivo con i nuovi ministri.

Nel corso della prima riunione del Consiglio dei Ministri, per l’appunto, è stato nominato Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio dei Ministri, Riccardo Fraccaro (M5S). Il Sottosegretario ha prestato giuramento e ha contestualmente assunto anche le funzioni di segretario del Consiglio dei Ministri. Conte ha poi informato il Consiglio dei ministri di aver designato l’ex ministro Paolo Gentiloni per la nomina a Commissario europeo.

Il premier, durante la stessa riunione, ha conferito ai ministri senza portafoglio i seguenti incarichi specifici: per i rapporti con il Parlamento, Federico D’Incà; per l’innovazione tecnologica e la digitalizzazione, Paola Pisano; per la pubblica amministrazione, Fabiana Dadone; per gli affari regionali e le autonomie, Francesco Boccia; per il Sud e la coesione territoriale, Giuseppe Luciano Calogero Provenzano; per le politiche giovanili e lo sport, Vincenzo Spadafora; per le pari opportunità e la famiglia, Elena Bonetti; per gli affari europei, Vincenzo Amendola.

La Camera, intanto, ha ufficializzato che la seduta per il dibattito sulla fiducia al Governo Conte bis si terrà lunedì 9 settembre alle 11. Per le 10 è in programma, invece, la conferenza dei capigruppo di Montecitorio. Mentre il voto al Senato ci sarà, molto probabilmente, martedì mattina.