Il patto Italia-Libia andrà avanti. Ma Di Maio annuncia ritocchi. Per il ministro rompere l’intesa è “un vulnus politico”. Il rischio di una ripresa dell’invasione però è concreto

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Sull’intesa con la Libia non si discute. Si va avanti. Rompere quegli accordi “rappresenterebbe un vulnus politico”. Lo ha precisato il ministro degli esteri e capo politico del Movimento 5 Stelle, Luigi Di Maio, rispondendo al question time alla Camera dopo un’interrogazione presentata da sette deputati del Pd, con cui è stato chiesto quali “siano gli intendimenti in merito agli accordi in essere, alla necessità di rinegoziarli e alla richiesta Onu di chiudere i centri di detenzione per evacuare i richiedenti asilo in altri Paesi e, per il tempo strettamente necessario a completare la suddetta operazione, come si intenda agire per assicurare a Unhcr, Oim e Onu l’accesso ai campi previsto dal memorandum”.

Domande poste a breve distanza dal rinnovo tacito degli accordi previsto per il prossimo 2 novembre. Nonostante gli appelli delle Ong e di numerosi esponenti dello stesso Partito democratico, Di Maio però è stato chiaro: l’accordo con Tripoli verrà rinnovato. Con una sola concessione: “Lavoriamo per migliorarlo”. Difficile del resto fare scelte diverse per i giallorossi, considerando che quell’intesa è stata voluta dall’ex ministro dem Marco Minniti nella scorsa legislatura e che i 5 Stelle sono stati sempre contrari agli sbarchi e ora stanno anche cercando di “coprirsi a destra”.

Per Di Maio il memorandum ha funzionato contro l’immigrazione clandestina e il traffico di esseri umani. . “Il documento – ha specificato il ministro – può essere modificato, ma è innegabile come abbia ridotto arrivi e morti in mare”. E come già avvenuto sia con il Governo Gentiloni che con il Conte 1, il problema delle condizioni in cui vengono tenuti i migranti nei campi libici e l’operato della stessa guardia costiera libica non sembrano un problema per l’Italia. Di diritti umani non si dibatte. Solo di sbarchi e di stranieri a cui trovare una collocazione. Come completamente fuori dal dibattito è un eventuale impegno per iniziare a sanare le mille piaghe che portano migliaia di persone a fuggire dalla loro terra, rischiando anche la vita pur di raggiungere l’Europa.

“Proporrò la convocazione della commissione italo-libica prevista dall’articolo 3 dell’accordo”, ha aggiunto il ministro degli esteri. E ha insistito: “Una riduzione dell’assistenza italiana potrebbe tradursi in una sospensione delle attività della Guardia costiera libica, con conseguenti maggiori partenze, tragedie in mare e peggioramento delle condizioni dei migranti”. Il memorandum “ha contribuito, attraverso il rafforzamento delle capacità operative delle autorità libiche, a ridurre in maniera rilevante gli arrivi dalla Libia, da 107.212 del 2017 a 2.722 dell’ottobre 2019, e conseguentemente le morti in mare nel Mediterraneo centrale”. Le tragedie in terra d’Africa non trovano spazio nel dibattito parlamentare.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

I burocrati uccidono più del virus

Dobbiamo attendere gli accertamenti medici per sapere se la giovanissima Camilla Canepa è morta per il vaccino Astrazeneca o per altro, ma in ogni caso questa tragedia ha fatto emergere tutte le falle della campagna vaccinale: il Cts, l’Aifa, Figliuolo e le Regioni. Ora non

Continua »
TV E MEDIA