Il prezzo del nostro Giuda. Ecco Law-renzi d’Arabia è il personaggio più pericoloso della politica italiana

MATTEO RENZI
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Ho sempre pensato che il nostro Law-renzi d’Arabia fosse il personaggio più pericoloso della politica italiana. Al paragone, la ditta “Salvini Berlusconi Meloni” è una banda di boy scout. Renzi, per dirne una, è l’uomo che ha demolito lo Statuto dei lavoratori. Adesso, dopo le frasi vergognose pronunciate a Riad al modico prezzo di 80mila euro, penso che la sua indole sia chiara a tutti.

Per la cronaca, il Regno Saudita, definito dal fiorentino “il nuovo Rinascimento”, è quel luogo dove gli oppositori politici vengono torturati e decapitati a centinaia ogni anno. Le teste, appese a elicotteri in volo a bassa quota, sono esibite al popolo. La monarchia del principe Mohammad bin Salman, novello Lorenzo il Magnifico per Renzi, ha fatto uccidere tra gli altri il giornalista dissenziente Jamal Khashoggi, attirato con un trucco nell’ambasciata in Turchia, dove l’attendeva una squadra di killer mandata da Riad, compreso un chirurgo col compito di fare a pezzi il cadavere, così da essere portato via nelle valigie diplomatiche.

Però i turchi avevano riempito l’ambasciata di microfoni e registrarono in diretta le grida del giornalista torturato e strangolato. Inorridì lo stesso Trump, che poi “ci passò sopra” grazie a 100 miliardi di dollari per l’acquisto di armi. Contratto che Biden adesso ha bloccato. Invece Renzi per 80mila euro ha cantato le lodi del principe. Sono 45mila euro dopo le tasse. Ci sta. Il prezzo di Giuda fu 30 denari. Calcolata l’inflazione, lo stesso prezzo di Renzi.