Il primo ministro giapponese si è dimesso per motivi di salute. Abe resterà in carica finché il partito Liberal Democratico non sceglierà un successore

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Il primo ministro giapponese Shinzo Abe, 65 anni, si è dimesso per motivi di salute. Lo ha annunciato nel corso di una conferenza stampa, spiegando di soffrire di una recidiva di una colite ulcerosa. “Non sono in grado di adempiere con fiducia al mandato del popolo, e ho deciso che non devo più occupare la carica di primo ministro”, ha spiegato Abe, scusandosi con i giapponesi. Il primo ministro resterà in carica fino a quando il Partito Liberal Democratico non sceglierà un successore.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Bongiorno conflitti d’interesse

Fosse per certi leghisti dovrebbe dimettersi pure Papa Francesco. Quindi che c’è da meravigliarsi se ieri si sono svegliati con la pretesa di cacciare dal governo la sottosegretaria Macina, coriacea esponente dei 5 Stelle passata per le armi senza bisogno di processo per lesa maestà

Continua »
TV E MEDIA