Il renziano Marattin, nazi per caso. Cita Goebbels per tre volte: “Più grossa è la bugia e più il popolo ci crederà, diceva qualcuno”

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Ma l’onorevole Luigi Marattin (nella foto) sarà cosciente di aver citato nell’aula di Montecitorio il nazista Joseph Goebbels, ministro della propaganda del terzo reich? Il deputato di Italia Viva, tra i tanti intervenuti nel dibattito sul Mes, criticando la Lega sulla campagna di veleni messa in piedi attorno al fondo Salva Stati, ha dichiarato: “Più grossa è la bugia e più il popolo ci crederà, diceva qualcuno”. Quel qualcuno è Goebbels. Riesumato per dare del bugiardo a Salvini. Fortunatamente però Marattin non ha completato il pensiero dell’allora ministro della propaganda, per il quale era “di vitale importanza per lo Stato usare tutto il suo potere per reprimere il dissenso, perché la verità è il nemico mortale della menzogna e, di conseguenza, la verità è il più grande nemico dello Stato”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Il suicidio del servizio pubblico

La difesa strettamente burocratica, da perfetto travet, fatta dal direttore di Rai3 Franco Di Mare in Commissione di vigilanza (leggi l’articolo) per scrollarsi di dosso l’accusa di censura sul concertone del Primo Maggio, spiega più di un’intera enciclopedia perché il Servizio pubblico in Italia è

Continua »
TV E MEDIA