Il Tav è l’ultima stazione della Via Crucis quotidiana cui il Capitano, tra un mojito e l’altro, ci ha abituati dalla sarabanda del Papeete Beach

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Dopo il decreto Sicurezza bis, l’ultima minaccia di Matteo Salvini corre sul treno (ad alta voracità) Torino-Lione. Un No al Tav “sarebbe una sfiducia al premier che ha riconosciuto che costa meno finirla che fermarla”, ha avvertito il ministro dell’Interno. In realtà, Conte si è rimesso al voto del Parlamento, ma fa niente. E poco importa che il contratto di Governo impegni la maggioranza “a ridiscuterne integralmente il progetto”.

Per il leader della Lega non conta: l’opera va fatta a prescindere, punto e basta. Così, evocando la crisi, ha lanciato l’ennesimo ultimatum: “Ci sarebbe un grosso problema”, ha messo in chiaro, tanto per tenere alta la tensione subito prima della fiducia incassata ieri, senza grossi patemi, dal Governo al Senato. Dove è fissata pure la prossima stazione della Via Crucis quotidiana cui il Capitano, tra un mojito e l’altro, ci ha abituati dalla sarabanda del Papeete Beach di Milano Marittima.

Riferimento alle mozioni all’esame di Palazzo Madama: quella No-Tav (l’unica) dei Cinque Stelle e le altre delle opposizioni. Ora, sulla carta, il voto è senza storia: da soli, Di Maio e i suoi non hanno i numeri per bloccare l’opera. Ma che succederebbe se, per mettere in difficoltà la maggioranza, le opposizioni decidessero di astenersi sulla mozione pentastellata? Sarebbe la Lega a non avere i numeri per bloccarla. Diversamente, sarebbe il Carroccio a dover votare con le opposizioni per disinnescarla. Due belle alternative: incassare la sconfitta o evitarla con un altro inciucio. Modello Radio Radicale.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Garantisti con tutti tranne che con Grillo

Se pensate che la bava alla bocca dei peggio giustizialisti sia vergognosa date prima un’occhiata al veleno dei meglio garantisti, di destra e di sinistra, difensori a oltranza della nipote di Mubarak e sostenitori di partiti dove più delinquenti arrestano più ne arrivano, e non

Continua »
TV E MEDIA