Immuni a prova di privacy, via libera all’App per il tracciamento. Il decreto prevede la cancellazione dei dati entro il 2020

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

A sgombrare il campo da possibili timori per violazione della privacy ci ha pensato ieri sera il Consiglio dei ministri, in un decreto a firma del Guardasigilli Alfonso Bonafede, che ha messo nero su bianco le regole per il tracciamento dei contatti in funzione anti-contagio da Coronavirus tramite App. “Immuni”, questo il nome dell’applicazione, secondo quanto contenuto nel decreto è scaricabile su base volontaria, posto che i dati dovranno essere resi anonimi o se non è possibile “pseudonomizzati”, e verranno cancellati a fine emergenza o, al massimo, entro il 31 dicembre 2020. In ogni caso è esclusa la geolocalizzazione e si specifica che i dati raccolti attraverso l’applicazione non possono essere utilizzati per finalità diverse da quella del tracciamento “salva la possibilità di utilizzo in forma aggregata o comunque anonima, per soli fini statistici o di ricerca scientifica”.

Il decreto prevede esplicitamente che il mancato utilizzo dell’applicazione “non comporta alcuna limitazione o conseguenza in ordine all’esercizio dei diritti fondamentali dei soggetti interessati”. La piattaforma del ministero della Salute verrà realizzata esclusivamente con infrastrutture localizzate sul territorio nazionale e gestite da amministrazioni, enti pubblici o in controllo pubblico, il sistema di tracciamento inoltre dovrà tenere in considerazione l’evoluzione di sistemi internazionali oggi ancora non completamente definiti, “in particolare i modelli annunciati da Apple e Google, su cui la soluzione italiana si baserà”. A renderlo noto è stata la ministra dell’Innovazione, Paola Pisano (nella foto), spiegando che “si lavora ad un’app unica a livello nazionale e interoperabile anche a livello europeo”.

L’esponente pentasetellata ha anche precisato che l’app funzionerà anche se la scaricano il 25-30% di persone, sebbene sarebbe importante che venisse adottata dal maggior numero di cittadini. Il ministero della Salute ha adottato misure tecniche e organizzative idonee a garantire un livello di sicurezza adeguato ai rischi elevati per i diritti e le libertà degli interessati, ma a rassicurare i cittadini è anche il commissario straordinario per l’emergenza Domenico Arcuri che, in audizione davanti alle commissione riunite Finanze e Attività Produttive, ha confermato che il suo compito è quello “di fare in modo che l’app sia compatibile con le norme su sicurezza, riservatezza e privacy”.

È previsto inoltre che gli utenti ricevano, prima dell’attivazione dell’applicazione, informazioni chiare e trasparenti al fine di raggiungere una piena consapevolezza, in particolare, sulle finalità e sulle operazioni di trattamento, sulle tecniche di pseudonimizzazione utilizzate e sui tempi di conservazione dei dati. Il Copasir – comitato parlamentare di controllo sui servizi – intanto avverte che il 5 maggio sentirà in audizione la ministra Pisano e il commissario Arcuri e alla fine invierà un documento alle Camere.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Garantisti con tutti tranne che con Grillo

Se pensate che la bava alla bocca dei peggio giustizialisti sia vergognosa date prima un’occhiata al veleno dei meglio garantisti, di destra e di sinistra, difensori a oltranza della nipote di Mubarak e sostenitori di partiti dove più delinquenti arrestano più ne arrivano, e non

Continua »
TV E MEDIA