Imu ai ricchi, Pd ritira emendamenti. Eliminate le proposte di modifica al decreto per far pagare l’imposta a chi ha rendite catastali superiori ai 750 euro

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

“Abbiamo deciso di ritirare gli emendamenti relativi alla prima rata dell’Imu perché sono arrivate rassicurazioni da parte del Governo rispetto alle richieste che noi abbiamo posto su come si chiuderà il 2013”. Lo ha detto il deputato del Pd, Maino Marchi, primo firmatario dell’emendamento al decreto legge Imu che prevede l’esenzione del pagamento dell’imposta solo per le case con rendita catastale inferiore ai 750 euro. Parlando con i giornalisti in Transatlantico alla Camera, Marchi ha spiegato che il Governo “si è impegnato” per altri provvedimenti “sulla cassa integrazione, oltre a quelli già previsti, ha dato assicurazioni sulle misure per riportare il rapporto deficit/Pil al 3% e che la service tax sarà progressiva” e che avrà una componente patrimoniale e una sui servizi. “Riteniamo – ha aggiunto Marchi – che ci siano le condizioni per ritirare gli emendamenti che avevano l’obiettivo di aprire una discussione”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Quell’asse Draghi-Renzi sui Servizi

A volte guarda che strane le coincidenze! Il direttore del Dis (il coordinamento dei Servizi segreti) Gennaro Vecchione informa il Copasir, cioè il Parlamento, che lo 007 Marco Mancini ha incontrato Matteo Renzi nell’autogrill di Fiano Romano senza informare i superiori, e 48 ore dopo

Continua »
TV E MEDIA