In aumento i pensionati poveri. Un terzo sotto i mille euro

I pensionati poveri, secondo i dati dell'Inps, sono sono quasi 5,3 milioni. Fanno i conti con redditi inferiori a mille euro al mese.

Accanto al fenomeno dei lavoratori con buste paga da fame c’è quello dei pensionati poveri. Quasi 5,3 milioni di pensionati, un terzo dei 16,1 milioni complessivi, fanno i conti con redditi da pensione inferiori a mille euro al mese e la maggior parte sono donne.

SEDE DELL' INPS

I pensionati poveri sono sono quasi 5,3 milioni. Fanno i conti con redditi inferiori a mille euro al mese

L’Inps pubblica i dati sulle pensioni e i beneficiari del sistema pensionistico riferiti al 2021 sottolineando che la spesa complessiva raggiunge i 313 miliardi, con un aumento dell’1,73% sul 2020. Le pensioni erogate nell’anno sono quasi 22,76 milioni, mentre i pensionati sono 16,1 milioni con un importo medio a testa all’anno di 19.443 euro.

In media ogni pensionato riceve infatti 1,41 pensioni. Se la media annua è di 19.443 euro ci sono differenze consistenti sia a livello territoriale sia tra uomini e donne. Sebbene le donne rappresentino la quota maggioritaria sul totale dei pensionati (il 52%) percepiscono meno del 44% dei redditi da pensione con un importo medio pro capite inferiore rispetto a quello degli uomini del 27% (16.501 contro 22.598 euro).

Nel complesso il 32,8% dei pensionati ha redditi pensionistici mensili inferiori a 1.000 euro ricevendo solo l’11,6% dell’importo complessivo. Tra le donne la percentuale delle pensionate che percepiscono meno di 1.000 euro è più alta con il 40,6% del totale e 3,38 milioni di persone (1,9 milioni gli uomini).

Il dato è legato alla scarsa partecipazione delle donne al mercato del lavoro che porta a percepire assegni per lo più assistenziali, ai superstiti o basati su pochi anni di contributi. E il tema dei bassi redditi da pensione rischia di essere sempre più attuale man mano che vanno in pensione le persone che hanno l’assegno calcolato prevalentemente o totalmente con il sistema contributivo.

Al momento più della maggioranza dei pensionati (il 53,9%, pari a 8,68 milioni di persone) può contare su meno di 1.500 euro con una parte di loro (1,8 milioni pari all’11,3% del totale) che fa i conti con meno di 500 euro al mese. I pensionati con oltre 5.000 euro di reddito da pensione al mese sono 337.055 (il 2,1% del totale) e concentrano l’8,8% della spesa (27,6 miliardi su 313).

Ma se si allarga lo sguardo ai 614.173 pensionati con oltre 4.000 euro al mese si nota che prendono importi per 42,3 miliardi, più di quanto percepiscano i quasi 5,3 milioni di pensionati sotto i 1.000 euro (36,3 miliardi). Significativo anche il divario territoriale: nel Nord si concentra il 47,8% dei pensionati e il 50,8% della spesa (157,93 miliardi). Al Sud ci sono il 32,2% dei pensionati complessivi per il 28,1% della spesa (87,49 miliardi su quasi 311, esclusa la spesa per quelli all’estero).

Seguici su Facebook, Instagram e Telegram