In Basilicata vince l’astensionismo. Alle regionali ha votato il 15% in meno rispetto all’ultima tornata

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Crolla vertiginosamente il numero dei votanti in Basilicata. Alla chiusura dei seggi hanno votato solo il 47,62% degli aventi diritto. Il 15% in meno rispetto alla scorsa tornata, quella del 2010. A contendersi la guida della regione ci sono per il centrosinistra Marcello Pittella, fratello di Gianni, candidato alla segreteria del Pd, mentre il centrodestra schiera Salvatore Tito Di Maggio, senatore eletto scelto tra le liste di Scelta Civica. Il M5S ha scelto come candidato Piernicola Pedicini, la cui candidatura è maturata tra le polemiche perché nelle primarie online aveva prevalso il tenente Giuseppe Di Bello, noto per le sue battaglie ambientaliste, poi escluso per «irregolarità». Si torna al voto dopo lo scandalo spese pazze dell’aprile scorso che culminò con le dimissioni del governatore di centrosinistra Vito De Filippo.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Adesso basta errori sul virus

Cantano vittoria come se avessero ottenuto chissà cosa, ma l’Italia che comincia a riaprire dal 26 aprile non è un successo delle destre. Con le solite balle a uso elettorale, Salvini & company da ieri stanno ingolfando i social per intestarsi il ritorno alla normalità

Continua »
TV E MEDIA