In Parlamento si alza il gomito? Niente paura, se l’onorevole si ubriaca e si infortuna paga lo Stato: 350mila di assicurazione anche per punture, escursioni e sommosse popolari

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

In Parlamento si gode di tutto. Stipendi, rimborsi, vitalizi. E assicurazioni. Di ogni tipo. Anche per punture e, udite udite, nel caso di infortuni dovuti a qualche bicchierino di troppo. Sembrerà uno scherzo ma, purtroppo, è tutto vero. I deputati godono di assicurazione anche per questo. E, ovviamente, a pagare è lo Stato. Ergo: i cittadini.

La denuncia arriva direttamente dal Movimento 5 Stelle. Secondo infatti quanto denunciato da Riccardo Fraccaro con un suo intervento in Parlamento, mentre negli anni il fondo per la sanità è stato tagliato – secondo quanto dichiarato dal parlamentare pentastellato – di 4,3 miliardi di euro, ecco pronti 350mila euro spesi per l’assicurazione dei deputati.

Ma Fraccaro si è spinto oltre. Già, perchè detta così è tutto in regola. Ovvio che i nostri parlamentari debbano avere diritto a un’assicurazione. Ma andando a vedere cosa copre la polizza qualche dubbio sorge spontaneo. Nell’ordine: punture e morse di animali, malattie tropicali, affogamento, ernie addominali. Basta così? Niente affatto. I nostri deputati saranno coperti anche in caso di infortuni dopo eventuali “escursioni in montagna”. Non si sa mai l’attivita di Montecitorio dovesse richiederlo. E metti che mentre si è affaccendati con i lavori d’Aula in Parlamento a qualcuno non venga colto da un colpo di sole? Niente paura: l’assicurazione copre anche questa eventualità.

E poi, come detto, tutti al sicuro anche in caso di infortuni “in stato di ebbrezza”. Insomma, cari onorevoli: potete ubriacarvi tranquillamente. Tanto paga Pantalone. E se poi “Pantalone” dovesse ribellarsi? Non c’è problema: l’assicurazione copre anche eventuali danni “in caso di sommosse, insurrezioni o tumulti popolari”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Bongiorno conflitti d’interesse

Fosse per certi leghisti dovrebbe dimettersi pure Papa Francesco. Quindi che c’è da meravigliarsi se ieri si sono svegliati con la pretesa di cacciare dal governo la sottosegretaria Macina, coriacea esponente dei 5 Stelle passata per le armi senza bisogno di processo per lesa maestà

Continua »
TV E MEDIA