L’incognita dei responsabili, mai dire mai. Trattative in corso. Ma è ancora presto per uscire allo scoperto. Contatti in corso con ex grillini. Udc e pezzi di FI. Ma pure qualche renziano potrebbe mollare il leader

GREGORIO DE FALCO
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Arrivati a questo punto si comincia a ragionare sul dopo Renzi. Se Italia viva abbandonerà il governo, Giuseppe Conte avrà due possibilità: cercare una nuova maggioranza in Parlamento oppure andare direttamente al Colle a rimettere il suo mandato. In quest’ultimo caso gli scenari che si aprono sono diversi. Dai più probabili: il ritorno alle urne o un Conte ter. Ai meno plausibili, visto che sia M5S che Pd li hanno già esclusi: un esecutivo tecnico o uno con la stessa maggioranza e un premier diverso. E ancora: un governo con lo stesso premier e una diversa maggioranza, ovvero con l’ingresso dei cosiddetti “responsabili”.

Per verificare la fattibilità di quest’ultima opzione si ritorna alla prima delle due possibilità, ovvero l’avvocato pugliese andrà a sfidare l’ex rottamatore in Aula e a verificare se c’è una nuova maggioranza senza i renziani. I responsabili in questione sarebbero di estrazione soprattutto centrista. Il consigliere di Nicola Zingaretti, Goffredo Bettini, ha chiamato a raccolta anche gli azzurri: “Non è un’eresia” – ha detto – immaginare una parte di Forza Italia nella coalizione a sostegno di Conte. Sarebbe il cosiddetto “modello Ursula” con le forze politiche che a suo tempo hanno eletto l’attuale presidente della Commissione Ue. Sebbene Silvio Berlusconi abbia annunciato di non voler avallare nessuna operazione che spacchi il centrodestra.

Ad ogni modo al Senato, senza i numeri di Renzi, per andare avanti al governo servirebbe il soccorso di un drappello di responsabili, che vadano a sostituire i 18 senatori di Italia viva. Si guarda ai tre senatori di Giovanni Toti di Idea-Cambiamo (Quagliariello, Romani, Berutti), ai tre senatori dell’Udc (Binetti, De Poli, Saccone) ma anche agli ex M5S confluiti nel Misto (Gregorio De Falco (nella foto): “Dico sì ad un governo Conte se presenta un buon piano sulla pandemia”; Ciampolillo, Martelli, Nugnes, Fattori) e agli stessi renziani (non tutti potrebbero decidere di seguire il loro leader). Da Cambiamo all’Udc sono fioccate smentite sulla volontà di fare da “stampella” a Conte.

Ma in politica, come si sa, tutto è possibile e pochi hanno voglia di lasciare lo scranno prima del tempo. Alla Camera, se tutti i 30 deputati di Iv dovessero sfilarsi, ai giallorossi servirebbe un apporto di almeno 14 responsabili. E anche a Montecitorio il bacino è lo stesso di Palazzo Madama. In un’intervista all’Adnkronos Clemente Mastella ha detto che si farà promotore di un’iniziativa politica per mettere insieme i responsabili: “Ci sono e – assicura – sarebbero molti di più di quelli che si possa immaginare”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Ci mancava il regalo ai mafiosi

Partito come un venticello, il soffio della restaurazione sta diventando un tornado. Draghi a Palazzo Chigi ne è di per sé il sigillo di garanzia, ma siccome il suo è definito da stampa e poteri forti il “Governo dei migliori”, c’è chi ha deciso di

Continua »
TV E MEDIA