Incubo terrorismo a Marsiglia. Un uomo accoltella e uccide due donne: urlava “Allah Akbar”. E i siti pro-Isis festeggiano

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Un uomo è stato abbattuto nella stazione Saint-Charles a Marsiglia dopo aver accoltellato e ucciso due passanti. Lo riferisce la stampa francese.

La stazione è stata evacuata e il traffico di treni è stato interrotto. Secondo France Info, l’assalitore l’aggressore ha gridato Allah u Akbar, prima di essere ucciso dai militari dell’operazione Sentinelle. Il ministro dell’Interno francese Gerard Collomb, dopo l’attacco, ha fatto sapere che si è recato sul posto.

Intanto, i sostenitori dell’Isis celebrano l’attacco alla stazione di Marsiglia sul web, pubblicando foto e appello a nuovi assalti. Lo riferisce il Site, il sito di monitoraggio dell’estremismo islamico sul web. L’Isis non ha pubblicato per il momento alcuna rivendicazione.

L’attentatore è un uomo di circa 25-30 anni, nordafricano: queste le prime descrizioni che filtrano da Marsiglia dopo l’attacco terroristico alla stazione Saint-Charles. Secondo alcune testimonianze raccolte, l’uomo ha colpito con un grosso coltello, ma addosso la polizia gliene ha trovato un secondo.

Sono due donne le vittime uccise accoltellate.  Il terrorista, riferiscono i media locali, ha ucciso le due donne sgozzandone una e pugnalando la seconda.