L’intuizione di Bannon. Un premier terzo per l’intesa gialloverde. Fu lo stratega di Trump a consigliare a Di Maio e Salvini di puntare su Conte

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

“Qui serve un premier di facciata”. Fu Steve Bannon (nella foto) a sconsigliare a Matteo Salvini e Luigi Di Maio di puntare all’incarico di presidente del Consiglio nel nascituro Esecutivo gialloverde. “Detto fatto! Bannon aveva realizzato la perfetta fusione dell’estrema destra con l’estrema sinistra”. A raccontare il contributo dato dall’ex stratega di Donald Trump nelle trattative per formare un governo in Italia dopo il voto del marzo dello scorso anno è il giornalista americano Michael Wolff nel suo nuovo libro Assedio. Fuoco su Trump, che, ripercorrendo il ruolo svolto da Bannon nella nascita di un fronte populista in Europa, parla del “clamoroso successo” ottenuto in Italia, “operando dietro le quinte” e promuovendo la coalizione giallo-verde “tra nazionalisti e populisti”.