L’invasione dell’Ucraina prosegue secondo i piani di Mosca

Dall'Ucraina, mentre si continua a combattere nel Donbass, arriva un nuovo allarme per la centrale nucleare di Zaporizhzhya.

Si continua a combattere nel Donbass mentre c’è un nuovo allarme per la centrale nucleare di Zaporizhzhya. L’Agenzia internazionale per l’energia atomica, infatti, ha comunicato di aver “perso ancora una volta la connessione remota ai suoi sistemi di sorveglianza dei dispositivi di sicurezza”. L’Aiea evidenzia “ulteriormente la necessità” che personale della stessa agenzia si rechi sul posto “molto presto”.

L’invasione dell’Ucraina prosegue secondo i piani di Mosca

Si continua a combattere nel Donbass mentre c’è un nuovo allarme per la centrale nucleare di Zaporizhzhya

Le forze russe, è spiegato ancora nella nota di aggiornamento dell’Aiea, hanno preso il controllo dell’impianto quasi quattro mesi fa ma il personale ucraino continua a gestirlo. Sul campo, intanto, la guerra continua da 127 giorni.

Zelensky: “Faremo di tutto per riportare a casa ogni uomo e ogni donna Ucraina”

Per il presidente ucraino Volodymyr Zelensky, “144 guerrieri ucraini sono stati riportati a casa dalla prigionia russa” e tra questi ci sarebbero 95 difensori dell’Azovstal di Mariupol. “Faremo di tutto – ha detto Zelensky nel consueto discorso serale – per riportare a casa ogni uomo e ogni donna Ucraina”.

Secondo l’ultimo aggiornamento dello Stato maggiore delle forze armate ucraine, nella direzione di Donetsk, l’esercito russo “con il supporto dell’artiglieria cerca di bloccare la città di Lysychansk e prendere il controllo della sezione dell’autostrada Lysychansk – Bakhmut”.

Inoltre, per lo Stato maggiore ucraino, le truppe di Mosca stanno conducendo “un’offensiva vicino a Verkhnyokamyanka e assalti nell’area della raffineria di petrolio Lysychansky”. “Le ostilità continuano”, aggiunge. Dopo Severodonetsk, il cuore della battaglia si è spostato a Lysychansk.

Le forze ucraine continuano a mantenere le loro posizioni nella città di Lyschansk

Secondo l’intelligence britannica, “le forze ucraine continuano a mantenere le loro posizioni nella città di Lyschansk dopo il loro ritiro da Severodonetsk. Le forze russe – si legge ancora nell’aggiornamento diffuso dalla Difesa del Regno Unito – continuano a perseguire un approccio di avvolgimento strisciante dalla direzione di Popasna, eliminando la necessità di forzare un nuovo grande attraversamento del fiume Siverskyi Donets in questo settore”.

Inoltre, per Londra, le forze russe “continuano a compiere progressi limitati mentre tentano di accerchiare i difensori ucraini nell’area settentrionale di Donetsk tramite avanzamenti da Izium”.

Putin: “Il lavoro procede in modo calmo e ritmico”

Nelle scorse ore, intanto, il presidente russo, Vladimir Putin, ha fatto sapere che “l’operazione militare speciale” in Ucraina sta andando secondo i piani. “Il lavoro procede in modo calmo e ritmico”, ha detto secondo quanto riporta l’agenzia russa Tass.

“Le truppe avanzano – ha continuato Putin – e raggiungono quei punti finali che sono assegnati come compito in una certa fase di questo lavoro di combattimento. Tutto sta andando secondo i piani”. Su una possibile data di fine dell’operazione, invece, Putin ha aggiunto che “non c’è bisogno di parlare di scadenze”.

Qui tutti gli articoli sulla guerra in Ucraina

Seguici su Facebook, Instagram e Telegram