Isis nel mirino americano

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Dalla Redazione

Dopo che c’è statoa anche il consenso del regime di Assad sono cominciati i voli di ricognizione degli Stati Uniti sulle regioni della Siria controllate dai ribelli. Potrebbe essere questo il passo decisivo prima dei raid aerei contro il versante siriano dell’Isis. A renderlo noto Al Jazeera citando fonti dell’amministrazione Usa. Inizia così la strategia americana: prima l’invio degli aerei di sorveglianza, tra cui droni, nello spazio aereo siriano, poi l’attacco vero e proprio. Sorvoli che servirebbero anche a raccogliere maggiori informazioni sulle aree da colpire ed evitare di fallire il bersaglio. Ma molto presto le bombe potrebbero cadere a grappoli. “Ancora non c’è nessuna decisione di effettuare attacchi”, spiegano dal Pentagono, “ma per aiutare a prendere tale decisione, si vuole avere quanta più consapevolezza della situazione possibile”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Il suicidio del servizio pubblico

La difesa strettamente burocratica, da perfetto travet, fatta dal direttore di Rai3 Franco Di Mare in Commissione di vigilanza (leggi l’articolo) per scrollarsi di dosso l’accusa di censura sul concertone del Primo Maggio, spiega più di un’intera enciclopedia perché il Servizio pubblico in Italia è

Continua »
TV E MEDIA