Israele apre un consolato onorario a Firenze. A guidarlo sarà l’ex fedelissimo renziano Marco Carrai. Al taglio del nastro ci sarà anche Salvini

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Da oggi Firenze avrà un Consolato onorario d’Israele. La sede diplomatica sarà inaugurato nel corso di un evento dal “Italia-Israele: un legame nella storia” al quale interverranno l’ambasciatore d’Israele in Italia, Dror Eydar, il console d’Israele per Toscana, Emilia Romagna e Lombardia, Marco Carrai (nella foto), ex fedelissimo dell’ex premier Matteo Renzi, il sindaco del capoluogo toscano, Dario Nardella, il presidente del Jewish Economic Forum, Jonathan Pacifici, e la responsabile europea del Jerusalem Center for Public Affairs Fiamma Nirenstein. All’iniziativa, a quanto riferisce l’Adnkronos, parteciperà anche il segretario della Lega, Matteo Salvini.

“La vicinanza allo stato di Israele e al popolo ebraico – ha detto il neoconsole Carrai – è per me motivo di orgoglio. Sento il popolo e la cultura ebraica come la mia seconda pelle. E’ straordinario come un paese in perenne equilibrio tra la pace e la guerra, circondato da nemici che lo vorrebbero vedere distrutto, sia uno dei posti più all’avanguardia nei settori tecnologici e culturali. Il popolo ebraico è riuscito a vincere tutte le persecuzioni, seppure a caro prezzo, e noi dobbiamo continuare a difenderlo dagli inaccettabili pregiudizi che ancora oggi vengono quotidianamente espressi”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

I finti miracoli di Gualtieri

Facciamolo santo subito. E visti gli ultimi miracoli, mettiamolo tra i beati che contano, minimo minimo alla destra del Padre. A Roberto Gualtieri, d’altra parte, i prodigi vengono così, naturali. Prendiamo la sporcizia di Roma. Aveva promesso una pulizia straordinaria a dicembre, e puntualmente il

Continua »
TV E MEDIA