L’Italia lascia l’Afghanistan. Ad Herat la cerimonia dell’ammaina bandiera. Guerini: “Non vogliamo che torni ad essere un luogo sicuro per i terroristi. Commosso pensiero per i nostri 53 caduti”

Guerini Afghanistan
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Si sta per concludere, come annunciato nei mesi scorsi, l’impegno militare italiano, quasi ventennale, in Afghanistan. Ad Herat è arrivato oggi il ministro della Difesa, Lorenzo Guerini, per il saluto finale ai militari e la cerimonia dell’ammaina-bandiera alla base di Camp Arena, che sarà consegnata alle forze di sicurezza locali. Le operazioni di rimpatrio di uomini (erano 800 a inizio anno) e mezzi sono iniziate a maggio e si concluderanno a breve.

“Non vogliamo – ha detto Guerini – che l’Afghanistan torni ad essere un luogo sicuro per i terroristi. Vogliamo continuare a rafforzare questo Paese dando anche continuità all’addestramento delle forze di sicurezza afghane per non disperdere i risultati ottenuti in questi 20 anni. Non abbandoniamo il personale civile afghano che ha collaborato con il nostro contingente ad Herat e le loro famiglie: 270 sono già stati identificati e su altri 400 si stanno svolgendo accertamenti. Verranno trasferiti in Italia a partire da metà giugno”.

Dall’archivio: Le truppe rientreranno ma l’Italia non abbandonerà l’Afghanistan. Di Maio: “È ad uno snodo cruciale della sua storia”.

“Un mio commosso pensiero – ha detto ancora Guerini intervenendo in Afghanistan – voglio rivolgerlo anche a tutti gli italiani, civili e militari, che hanno perso la vita in Afghanistan. Ricordo tra loro i 53 caduti e gli oltre 700 feriti tra i nostri militari e quelli che, ancora oggi, portano sul corpo i segni della coraggiosa testimonianza di vita al servizio del Paese”.

“Il loro valore – ha sottolineato ancora il ministro della Difesa – il loro spirito di sacrificio e il loro esempio non saranno mai dimenticati. A tutte le famiglie che, con grande dignità, hanno affrontato la perdita dei loro cari, rivolgo la mia vicinanza e il mio riconoscente pensiero, al quale si unisce quello di tutti gli italiani”.

In concomitanza con la cerimonia, un Boeing 767 dell’Aeronautica Militare italiana diretto a Herat è stato bloccato a Dammam, in Arabia Saudita, dove è stato costretto ad atterrare per il rifiuto degli Emirati Arabi di concedere l’autorizzazione a sorvolare nel Paese. A bordo c’erano una quarantina di giornalisti diretti in Afghanistan per seguire la cerimonia dell’ammaina bandiera del Contingente italiano.