L’Italia supera le 80mila vittime dall’inizio dell’epidemia. Nelle ultime 24 ore 15.774 nuovi casi e 507 morti. Il tasso di positività al 9%

Coronavirus
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

L’Italia supera le 80mila vittime per il Coronavirus, per la precisione, con gli ultimi 507 morti, sono 80.326 i decessi dall’inizio dell’epidemia. I positivi registrati nelle ultime 24 ore sono, invece, 15.774 (ieri erano stati 14.242 e 616 i morti) a fronte di 175.429 tamponi con un il tasso di positività che si attesta 9%, in calo rispetto al 10,05% di ieri. I ricoverati nelle terapie intensive sono 2.579 (-57) con 165 ingressi giornalieri. I ricoverati nei reparti ordinari sono 23.525 unità (-187). Gli attualmente positivi, secondo quanto riferisce il bollettino giornaliero del ministero della Salute, sono 564.774 (-5.266), di questi 538.670 (-5.022 rispetto a ieri) si trovano in isolamento domiciliare. I guariti sono 20.532 in più. La Lombardia è la regione con il maggior incremento di casi (2.245), seguita da Sicilia (1.969) e Veneto (1.884). Secondo il monitoraggio settimanale dell’Agenzia Nazionale per i Servizi Sanitari Regionali (Agenas), le terapie intensive tornano sopra la soglia di allerta del 30% di posti occupati, attestandosi al 31%, l’1% in più rispetto a una settimana. Cresce dell’1% rispetto a una settimana fa anche il numero dei posti letto occupati da malati Covid non gravi nei reparti ordinari, che arriva al 37%, restando, dunque, sotto la soglia d’allerta del 40%. Sono 10, tuttavia, le regioni che superano la soglia critica, una in più rispetto al 6 gennaio (leggi l’articolo).