Kenya, il crollo del Westgate causato da soldati. La rivelazione di una fonte del governo

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Sono stati i militari intervenuti sul posto a causare il crollo di tre piani del centro commerciale Westgate, attaccato dai terroristi di al-Shabab a Nairobi, in Kenya. Lo riferisce un alto funzionario del governo keniano, rimasto anonimo, rispondendo alla domanda di Associated Press che aveva chiesto se sia stata l’azione militare contro i rapitori a causare il cedimento. L’uomo ha risposto “sì”. Il funzionario ha anche confermato che le truppe del Kenya hanno sparato granate rpg nel centro commerciale, ma non ha saputo dire se sia stato questo a causare il collasso dei tre piani. Le parole del funzionario confermano le informazioni date mercoledì ad AP da un altro ufficiale.
Lunedì sono avvenute quattro forti esplosioni che hanno causato fumo nero dall’edificio e, sembra, il crollo dei piani. In precedenza un funzionario del governo aveva spiegato che a provocare il collasso era stato l’incendio di un materasso all’interno del complesso. Benché sembra abbia aiutato a mettere fine all’assedio di quattro giorni, il crollo potrebbe aver ucciso molti ostaggi. Il funzionario intervenuto oggi, spiega che le autopsie su corpi sotto le macerie mostreranno se queste persone sono state uccise dal cedimento dei piani o siano morte per mano dei terroristi. Quando inizieranno gli scavi del tetto, spiega l’uomo, dovrebbero venire trovati i corpi di molte persone ancora disperse.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Adesso basta errori sul virus

Cantano vittoria come se avessero ottenuto chissà cosa, ma l’Italia che comincia a riaprire dal 26 aprile non è un successo delle destre. Con le solite balle a uso elettorale, Salvini & company da ieri stanno ingolfando i social per intestarsi il ritorno alla normalità

Continua »
TV E MEDIA