Kevin Spacey fa coming out. Dopo l’accusa di molestie di Anthony Rapp il premio Oscar si scusa e rivela: “Sono gay”

Il premio Oscar è stato accusato di molestie da Anthony Rapp: "Nella mia vita ho avuto relazioni con donne e con uomini" ma "ho deciso di vivere da gay"

Kevin Spacey, il celebre attore che negli ultimi anni ha vestito i panni del presidente degli Stati Uniti Frank Underwood nella popolare serie House of Cards, ha fatto coming out rivelando la propria omosessualità.

Kevin Spacey fa coming out. Dopo l’accusa di molestie di Anthony Rapp il premio Oscar si scusa e rivela: “Sono gay”

Il premio Oscar è stato accusato apertamente di molestie dall’attore Anthony Rapp, che ha raccontato a Buzzfeed News che, invitato a un party a casa sua quando aveva 14 anni, avrebbe ricevuto delle avances a chiaro sfondo sessuale. Rapp ha spiegato come da quell’episodio non abbia più parlato a Spacey e di come negli anni abbia avuto il coraggio di raccontare l’accaduto solo a familiari e amici. Ora, mosso dallo scandalo che ha travolto Harvey Weinstein, ha deciso di riportare tutto ai media. Rapp, che è apertamente gay, aveva già raccontato la storia ad The Advocate nel 2001, senza però fare nomi. Spacey a quel punto non si è tirato indietro e, su Twitter, ha chiesto scusa a Rapp e ha anche deciso di fare coming out, appunto.

“Ho molto rispetto e ammirazione per Anthony Rapp come attore – ha scritto –. Mi ha fatto orrore sentire la sua storia. Sinceramente non ricordo quell’episodio che risale a più di 30 anni fa e che è frutto di un comportamento inappropriato legato ai fumi dell’alcol. Ma se mi sono comportato come lui dice, gli faccio le mie più sincere scuse. Questa storia mi stimola a raccontare di più sulla mia persona. Nella mia vita ho avuto relazioni sia con donne sia con uomini. Ho amato e avuto incontri romantici con diversi uomini nel corso della mia vita e ora ho deciso di vivere da uomo gay. Voglio affrontare la cosa onestamente e apertamente”.

Pubblicato il - Aggiornato il alle 09:10
Seguici su Facebook, Instagram e Telegram