La battaglia di Mosul. L’esercito iracheno e i peshmerga sono in città: riconquistata la torre della tv

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

L’Isis continua a bruciare petrolio e pneumatici per sollevare coltri di fumo con lo scopo di arrestare l’avanzata dell’esercito iracheno. Ma a Mosul, la seconda città più importante dell’Iraq attualmente governata dai jihadisti di al-Baghdadi, la battaglia sta proseguendo con i miliziani del Califfato costretti ad arretrare giorno dopo giorno. Secondo le ultime notizie dal fronte, l’alleanza dei soldati di Baghdad con i peshmerga curdi (a cui si aggiungono altre brigate paramilitari formate da combattenti sciete e tribù sunnite oppositrici dell’Isis) ha riconquistato la torre de tv ed è molto vicino all’aeroporto. In pratica c’è stato l’ingresso ufficiale nell’area urbana dopo la conquista, abbastanza agevole, di alcuni villaggi abbandonati.

Il primo ministro iracheno, Haider al-Abadi, ha lanciato un ultimatum ai nemici: “Non avete scelta, o la resa o la morte. Ci avviciniamo da tutti gli angoli  e mozzeremo la testa del serpente. Non avete via di scampo né via di fuga”. Un appello che è comunque destinato a cadere nel vuoto, perché l’Isis vuole difendere strenuamente Mosul per il suo valore simbolico: proprio in quella città Abu Bakr al-Baghdadi si è autoproclamato Califfo. La preoccupazione è che la ritirata dell’Isis dai quartieri periferici sia strategica per concentrare tutte le forze, stimate in circa 10mila combattenti, nel cuore di Mosul. E resistere a lungo all’assedio trasformando la guerra in una “nuova Aleppo” in termini di catastrofe umanitaria, usando le migliaia di civili presenti come scudi umani.

Uno scenario che comunque i vertici militari iracheni, sulla base dei consigli dei generali statunitensi, non vogliono prendere in considerazione: per loro l’offensiva sta andando avanti secondo la tabella di marcia predefinita. E la coalizione punta pure su un’altra strategia: la sollevazione popolare nelle mura della città, che costringerebbe l’Isis ha fare i conti con un problema aggiuntivo, indebolendo le sue difese.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Bongiorno conflitti d’interesse

Fosse per certi leghisti dovrebbe dimettersi pure Papa Francesco. Quindi che c’è da meravigliarsi se ieri si sono svegliati con la pretesa di cacciare dal governo la sottosegretaria Macina, coriacea esponente dei 5 Stelle passata per le armi senza bisogno di processo per lesa maestà

Continua »
TV E MEDIA